Fai tu il Giudice

La Signora White passa i test biblici che
provano (verificano) un profeta?

Una nota speciale per gli avventisti del Settimo Giorno:

Questa, potrebbe essere la pagina web più significativa che potreste mai vedere. Per favore leggetela con attenzione e con spirito di preghiera.

L'importanza di Testare (mettere alla prova)

Nell'anno 2006, più di un miliardo di persone si dichiarano Musulmani. È la religione che conta più proseliti al mondo e che è in rapida crescita per l’incremento di numero di nuovi aderenti. Questa religione è basata interamente sugli scritti del profeta Maometto. È necessario ricordare che Maometto era analfabeta, è stato pertanto necessario che i suoi assistenti letterati scrivessero in sua vece. Scegliere di seguire Maometto influenza ogni aspetto della vita, condiziona la propria alimentazione (egli indica ciò che si deve mangiare e bere), condiziona ciò che viene detto e a chi viene detto, condiziona il modo di pregare e il momento in cui pregare. Condiziona la percezione di Dio e l’idea di ciò che Dio si aspetta da noi. Condiziona il modo di relazionarsi con coloro che non fanno parte del gruppo. Condiziona insomma, ogni ambito della vita!

Se segui un profeta, e se ciò che quel profeta dice è falso, rifletti sul fatto che quell'insegnamento sbagliato, potrebbe condizionare ogni aspetto della tua vita. Potrebbe condizionare la tua salute, i tuoi rapporti con gli altri e anche il tuo rapporto con Dio. Questo è il motivo per cui Dio stesso disse:

"Mediante i tuoi precetti io divento intelligente;
perciò detesto ogni doppiezza.
" (Salmo 119:104)

Nella sua camera d'albergo, un girono un uomo trova il Libro di Mormon e lo legge. Gli si

scalda il cuore nel leggere le storie che parlano di coraggio e dell’amore per Dio, e dice: "Chiunque ha scritto tali belle ed incoraggianti parole, deve essere un profeta di Dio." Quest’uomo finisce di leggere il libro "Latter Day Saints", senza però mai studiare nulla in merito al profeta Joseph Smith.

Molti sono nati in una chiesa con profeta. Crescono accettando la cosa e non lo mettono mai in discussione durante tutta la loro vita. Molti non realizzano che, seguire gli insegnamenti di un profeta, può avere un impatto incredibilmente significativo su ogni aspetto della propria vita, e finiscono col dedicare troppo poco tempo a fare ricerche su tale profeta e a provare a capire se effettivamente le sue dichiarazioni sono vere.

Quanti Musulmani, o mormoni, o avventisti del Settimo Giorno, si sono realmente presi del tempo per approfondire se colui o colei che seguono, sia effettivamente ciò che viene dichiarato? Vista la posta in gioco, non sarebbe meglio investigare un po’?

Uno dei doveri di un cristiano è testare i profeti (metterli alla prova). È un ordine della Bibbia e non farlo significa disubbidire alla Parola di Dio:

Carissimi, non crediate a ogni spirito ma provate gli spiriti per sapere se sono da Dio; perché molti falsi profeti sono sorti nel mondo.” (1 Giovanni 4:1)

 

La ragione per cui dobbiamo testare i profeti è che ci sono molti falsi profeti. Gesù conosceva questo problema e desiderava avvertire il suo popolo futuro.

"Guardatevi dai falsi profeti ", affermò, "Molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti." (Matt. 7:15, 24:11). Egli continuò dicendo che anche i buoni cristiani, le persone intelligenti - “anche gli eletti" - potrebbero essere ingannati:

 

perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti. (Matt. 24:24)

 

Questi avvertimenti fatti da Gesù dovrebbero essere sufficienti per enfatizzare l'importanza di verificare le dichiarazioni fatte da un profeta e dai suoi discepoli. Gesù non avrebbe insistito tanto nel fare dichiarazioni così forti, a meno che non avesse ritenuto che i falsi profeti “futuri” avrebbero rappresentato una minaccia significativa per i suoi discepoli.

Con un numero così elevato di profeti al mondo d’oggi, in che modo possiamo determinare quali siano veri e quali  falsi? Hai mai provato a porre questa domanda a qualcuno che afferma di credere in un profeta?

Se sei un avventista del Settimo Giorno, riconoscerai che le ragioni elencate qui sopra sono simili a quelle frequentemente citate in favore di Ellen White. È interessante notare che, nessuna delle ragioni sopra citate, rappresenta una verifica Biblica per testare i profeti. "Ma aspetta," dirai tu, "Non è forse vero che una predizione che si avvera, prova che la persona che l’ha fatta è un profeta?" No! Secondo la Bibbia ciò non basta. Vedi, chiunque può predire un avvenimento futuro, che grazie a fortuna o probabilitá, può effettivamente avere luogo. Predire un avvenimento futuro non prova che chi lo predice sia un profeta; tuttavia è vero il contrario e cioè che se un profeta fa una predizione di un avvenimento futuro e quell'avvenimento non ha luogo, la Bibbia afferma che quella persona non è un vero profeta. Questo è il primo dei sette test Biblici per testare i profeti.

Dobbiamo avere una serie di criteri oggettivi - regole specifiche, misurabili – che possano essere applicate ad ogni persona che pretenda di essere un profeta; altrimenti, tutti potrebbero affermare di essere profeti! Questi criteri esistono e sono i sette test Biblici indicati di seguito. Quando avrete esaminato onestamente tutte le prove presentate di seguito, avrete elementi sufficienti per prendere una decisione con cognizione di causa, riguardo la chiamata profetica di Ellen White. Usando questi sette test possiamo distinguere facilmente un vero profeta da uno falso.

TEST 1: Le profezie Devono realizzarsi

Quando il profeta parlerà in nome del SIGNORE e la cosa non succede e non si avvera, quella sarà una parola che il SIGNORE non ha detta; il profeta l'ha detta per presunzione; tu non lo temere.” (Deut. 18:22)

Un profeta non deve necessariamente fare delle predizioni per essere considerato un profeta. La definizione di profeta è: "Qualcuno che interpreta o segue la volontà di una divinità." (Dizionario Encarta). Tipicamente, comunque, i profeti Biblici hanno anche fatto predizioni di avvenimenti futuri. Queste predizioni aiutano a definire le dichiarazioni e la validità di un profeta in quanto, la conoscenza di avvenimenti futuri, supera la capacità umana essendo dominio del potere dell’Onnipotente. Geremia scrive… «... Quanto al profeta che profetizza la pace, una volta che si sarà adempiuta la sua parola, egli sarà riconosciuto come uno veramente inviato dal SIGNORE».(Ger. 28:9)

 Quando un profeta sorge, inizialmente può non essere creduto ma quando le sue predizioni cominciano ad avverarsi, le persone cominciano ad avere fiducia in lui. Ad ogni modo, qualunque "profeta" può essere fortunato, nel senso che può fare una predizione per il futuro che poi per caso, si avvera. Per questo la Bibbia offre un test molto più rigoroso per testare i profeti. Mosè disse alle persone di annotare le predizioni del profeta che si avveravano ma di continuare poi a tenerlo d'occhio. Se il profeta fallisce, anche una sola volta, ignoralo. Egli non è un vero profeta. Perché? Perché chiunque può fare una predizione che poi per pura “fortuna” si avvera, ma soltanto Dio può predire correttamente il futuro ogni singola volta. Questo è ciò che fa la differenzia tra i profeti di Dio e tutti gli altri falsi profeti nel mondo. Questa è la regola che li riguarda. In questo modo possiamo identificare un vero profeta di Dio. I profeti di Dio fanno predizioni corrette il 100 percento delle volte. È semplice!

Esaminiamo adesso alcune delle predizioni fatte da Ellen White. Non appena ci si appresta ad analizzare le predizioni della signora White, è subito evidente una cosa: la maggior parte delle predizioni specifiche enunciate dalla signora White, sono state fatte all’inizio della sua “carriera” e praticamente, ognuna di quelle predizioni non ha trovato realizzazione. Col passare degli anni, diminuiscono il numero di predizioni da lei fatte e, quando ne faceva una, si trattava di solito di una predizione vaga e ambigua. Un esempio è rappresentato dalle seguenti affermazioni: "il crimine aumenterà", "le città saranno più inquinate", o "la terra diventerà sempre più corrotta." È chiaro che la Sig.ra White fallì all’inizio della sua carriera e imparò la lezione, diventando più cauta nelle predizioni successive, rendendole oscure e piuttosto ambigue, in modo tale da non poter essere accusata dai suoi avversari di fare false predizioni.

Tenendo a mente queste cose, esaminiamo ora alcune delle predizioni fatte dalla signora White. Ricordati di tenere il conto delle predizioni avverate o non avverate, perché un vero profeta di Dio non farà mai una falsa predizione, neanche una.

Predizione 1: Gesù ritornerà nel giugno del 1845

Lucinda Burdick ed Ellen Harmon [White] erano grandi amiche a metà degli anni 1840. La signora Burdick, moglie di un pastore, ebbe molte opportunità di sentire le profezie della signora White. (Puoi fidarti di Lucinda Burdick? Clicca qui. ) Di seguito potrai leggere la testimonianza oculare della signora Burdick, relativa ad una profezia pronunciata dalla signora White:

"Durante l'anno 1845, incontrai la signorina Ellen G. Harmon diverse volte in casa di mio zio, a sud di Windham, Me. La prima di queste riunioni fu nel mese di maggio, quando sentii Ellen White dichiarare che Dio le aveva rivelato che Gesù Cristo sarebbe ritornato su questa terra in giugno, il mese successivo."( Lucinda Burdick, lettera autenticata da un notaio, pubblicata in Limboline)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Ellen Harmon (White) affermò che "Dio le aveva rivelato" che Gesù sarebbe tornato nel giugno del 1845. Questa è una profezia errata.

Predizione 2: Gesù ritornerà nel settembre del 1845

La signora Burdick testimonia ancora:

"Durante la stagione del fieno, incontrai nuovamente Ellen White in compagnia di James White, nello stesso luogo e sentii mio zio chiederle del fallimento della profezia fatta precedentemente, secondo la quale il Signore sarebbe dovuto tornare in giugno, in base alle sue visioni. Lei rispose che ciò le era stato riferito nella lingua di Canaan, che lei non capiva ed inoltre, come capì in seguito, Cristo sarebbe tornato a settembre, alla seconda crescita dell’erba invece che alla prima." (Ibid. )

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Cristo è ritornato nel settembre del 1845? Ovviamente no!

Predizione 3: Gli White gettati in Prigione nel 1846

La signora Burdick da nuovamente la propria testimonianza, relativamente alle dichiarazioni fatte da Ellen White nel 1846:

"Una volta, quando i coniugi White si accingevano a partire per la zona orientale del Maine, Ellen White ebbe una visione, nella quale vide che essi avrebbero avuto grandi difficoltà col maligno e che sarebbero stati messi in prigione, ecc.” Dissero questo anche alle chiese che visitarono. Quando ritornarono dal loro viaggio, raccontarono di aver trascorso un periodo glorioso. Gli amici chiesero loro se avessero avuto qualche difficoltà con il maligno o con le prigioni; essi risposero: 'Assolutamente no.' Allora, delle persone in tutte le chiese iniziarono presto ad aprire gli occhi e si schierarono nettamente contro le sue visioni" (Ibid. )

Passa o Fallisce? FALLISCE!

È ovvio che le tante persone a cui lei raccontò la sua visione, pensarono ad una carcerazione imminente che si sarebbe verificata durante il loro viaggio nell'est. Ciò è deducibile da questi fatti: (1) le persone chiesero loro specificatamente della carcerazione non appena essi tornarono dal loro viaggio, (2) quando scoprirono che non c’era stata nessuna carcerazione, si schierarono nettamente contro le sue visioni. Questa profezia fallita, bastò a convincere le persone delle chiese del Maine che la signora White era un falso profeta e ciò, dovrebbe essere sufficiente per convincere anche noi oggi!

Potremmo fermarci qui, con la consapevolezza che, secondo Deut. 18:22, non abbiamo niente da temere da questo profeta. Lei ha dato prova di essersi sbagliata; questo indica pertanto, che lei non parla per Dio. Ma cerchiamo di essere cauti. La Bibbia ci avverte di non accettare niente sulla parola di un solo testimone oculare. Può la storia della signora Burdick essere confermata in ogni sua parte?

La signora White ha fatto svariate dichiarazioni sul ritorno imminente di Cristo, dal 1840 al 1850, e ne fece anche in seguito. Ciò sembrerebbe convalidare le dichiarazioni della signora Burdick. Pare che nei primi giorni della sua “carriera” la signora White avesse la cattiva abitudine di predire il ritorno di Cristo. Ritorniamo dunque agli scritti di Ellen White.

Predizione 4: La Grande Pestilenza che non si è mai verificata

Nel 1849, la signora White scrisse queste parole memorabili:

"Quello che abbiamo visto e abbiamo sentito della pestilenza [del 1849], è solo l'inizio di ciò che vedremo e sentiremo. Presto la morte e i morti saranno tutt'intorno a noi."( Present Truth, Settembre. 1849).

Passa o Fallisce? FALLISCE!

La "pestilenza" che lei stava descrivendo risultò essere un fenomeno locale e non un segno di una imminente fine del mondo. Non molto tempo dopo che questa profezia fu scritta, la pestilenza finì e gli Stati Uniti entrarono in un periodo di pace e prosperità, che durò per molti anni. Ellen White disse: "Presto la morte e i morti saranno tutt'intorno a noi." Che significa presto? Sono passati quasi 160 anni! Disse poi: “i morti saranno intorno noi”. Questo intendeva lei. Disse che i morti sarebbero stati intorno a lei. Questo non è mai successo durante la sua vita. Un altro fallimento profetico.

Predizione 5: Gesù sarebbe tornato nel giro di "mesi"

Nel 1850 la Sorella White disse:

"Il mio angelo che mi accompagna, ha detto: 'il Tempo è quasi finito. Preparatevi, preparatevi, preparatevi.' . . . Ora il tempo è quasi finito. . . E quello che noi abbiamo imparato in anni, gli altri dovranno impararlo in pochi mesi."( Early Writings, pp. 64-67)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Il contesto di questa dichiarazione è inequivocabile. I nuovi convertiti dovranno imparare le dottrine in " pochi mesi " perché "adesso il tempo è quasi finito." La riduzione del tempo per imparare non era dovuto al fatto che i nuovi convertiti saranno più intelligenti di quelli vecchi, né perché gli avventisti avevano sviluppato un corso di apprendimento accelerato. No! Il contesto viene chiaramente dichiarato e la ragione per cui avrebbero dovuto imparare rapidamente era che: "Il tempo è quasi finito."

Qual’è la definizione ragionevole della frase "pochi mesi"? Tre? Cinque?

Se un tuo amico ti chiamasse e ti dicesse: "Verrò a farti visita tra pochi mesi", quando l’aspetteresti? Tre o quattro mesi, forse sei al massimo? Bene, da quel momento, alla fine del 2005 sono passati milleottocentosessanta mesi da quando la signora White disse: sono rimasti  “pochi mesi”! Certamente ella non si riferiva al fatto che rimanevano più anni, perché affermò che quello che gli altri avevano imparato in "anni", i nuovi convertiti avrebbero dovuto impararlo "in mesi."

Come può essere spiegato questo fallimento? Si tratta forse ancora una volta di incomprensione di ciò che il suo angelo aveva detto?. Forse il suo angelo aveva nuovamente parlato nella lingua di Canaan?!

Predizione 6: Alla Conferenza del 1856 alcuni vedranno il ritorno di Gesù

Finalmente, dopo un periodo di 10 anni, la signora White smise di fare predizioni sul ritorno di Cristo, con una dichiarazione molto nota che, a differenza dei fallimenti precedenti, catturò l'attenzione di molti. La dichiarazione che fece ad una conferenza della chiesa nel 1856, ricevette notorietà. Essa fu pubblicata nella sua raccolta "Testimonies to the Church" (in italiano esiste una compilazione di questa raccolta, che porta il titolo di “I tesori delle Testimonianze”) e molti membri di chiesa ebbero l’occasione di leggerla. La signora White descrive così la sua "visione":

"Mi sono state mostrate le persone presenti alla conferenza. L'angelo mi ha detto: 'Alcuni saranno cibo per i vermi, alcuni saranno soggetti alle sette ultime piaghe, alcuni saranno vivi e rimarranno sulla terra per essere trasformati alla venuta di Gesù.' " Testimonies, Vol. 1, p. 131

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Tutti coloro che parteciparono a questa conferenza sono morti generazioni fa. Non uno solo sarà "vivo" e "sulla terra per essere trasformati alla venuta di Gesù." Dopo che questa profezia fallì completamente, la chiesa si trovò di fronte al dilemma di come affrontare questa dichiarazione. Infine, fu deciso di dichiararla come "profezia condizionale" sebbene nella profezia non vi fossero condizioni, né sottintese né esplicite, a differenza delle profezie condizionali presenti nella Bibbia, in cui le condizioni sono sempre dichiarate esplicitamente o implicitamente nel testo (per una ulteriore argomentazione sulle profezie soggette a condizioni, clicca qui).

Una revisione della dichiarazione della signora White del 1856, mostra che non ci sono condizioni dichiarate esplicitamente o sottintese nella profezia. La signora White afferma semplicemente che, alcune delle persone presenti alla conferenza sarebbero state vive al ritorno di Cristo. Non ci sono condizioni, come ad esempio: "Se lavori sodo e dai molte offerte, allora Cristo ritornerà..." La profezia non è mai stata capita durante la vita della signora White. Dopo che anche l'ultima persona che assistette alla conferenza morì, i fratelli furono costretti a trovare la spiegazione che la profezia era soggetta a condizioni.

Predizione 7: La terra sarà presto spopolata

La signora White, ancora nel 1864, continuò ad intessere la sua rete di predizioni fallite. Scrisse:

"La famiglia umana è stata presentata davanti a me indebolita. Ogni generazione cresce più debole e malattie di ogni forma colpiscono la razza umana.... Il potere di satana sulla famiglia degli umani aumenterà. Se il Signore non dovesse venire presto per distruggere il suo potere, la terra sarà presto spopolata." Testimony n.8, p. 94, in Spiritual Gifts III-IV

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Ancora una volta troviamo la parola "presto". Nel 1864, la White affermò che la terra sarebbe stata "presto" spopolata. È successo quello che lei ha predetto? Poco dopo il 1864, la terra si è spopolata? Dal 1900, la popolazione della terra è cresciuta fino a raggiungere quota 1,6 miliardi di persone. Oggi, ci sono più di 6 miliardi di persone. Nel 2050 potrebbero esserci sul pianeta, 25 miliardi di persone. Grazie ad una migliore nutrizione, ai progressi della medicina e al miglioramento delle condizioni di vita, ogni generazione vive più a lungo, più sana, più forte e più alta. Le malattie che un tempo devastarono l'umanità, sono state ora debellate o sono state rese innocue da potenti farmaci. Sfortunatamente, tutto quello che la signora White aveva previsto per il futuro, erano oscurità, malattia e morte. Se avesse avuto veramente la preveggenza divina, non avrebbe mai fatto questa dichiarazione.

Predizione 8: Nel Sud rinascerà la schiavitù

Di seguito, è riportata un'altra predizione poco famosa, fatta dalla signora White:

" Negli Stati Meridionali rinascerà la Schiavitù; a causa dello spirito di schiavitù ancora vivo. Quindi, non sarà possibile per quelli che lavorano fra persone di colore, predicare la verità  audacemente ed apertamente come sarebbero stati liberi di fare in altri luoghi. Anche Cristo ‘travestì’ le Sue lezioni con parabole, per evitare l'opposizione dei Farisei." (Spalding, Magan Collection, pagina 21 e 2 MR 153,pag. 300)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

È mai stata ripristinata la schiavitù "negli Stati Uniti Meridionali"? Assolutamente no! Dalla fine della Guerra Civile, la schiavitù divenne un crimine federale. Dalla fine della Guerra Civile vi furono alcuni casi di schiavitù e, quando furono scoperti, furono fermati e gli organizzatori, messi in prigione. La schiavitù è stata definitivamente abolita e non sarà mai ripristinata negli Stati Uniti. Qualunque persona può scegliere di vivere e lavorare in qualunque luogo desideri. Ringraziando Dio, la schiavitù è morta. Questo è un altro terribile errore profetico. Clicca qui per approfondire l’argomento

Predizione 9: Gli schiavisti soffriranno le ultime sette piaghe

In questa predizione, la signora White annuncia che i proprietari di schiavi subiranno le sette ultime piaghe descritte nel libro dell’Apocalisse:

"Ho visto che i padroni degli schiavi dovranno rispondere dell'anima dei loro schiavi che hanno tenuto nell'ignoranza...che il padrone dovrà subire le ultime sette piaghe e risvegliarsi nella seconda resurrezione e soffrire la seconda e più terribile morte.”. (Early Writings, p. 276)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Questa "profezia" fu pronunciata in un momento in cui esisteva ancora la schiavitù negli Stati Uniti. Abbiamo calcolato che i più vecchi padroni di schiavi negli Stati Uniti, sono morti nei primi del 1900, quasi 100 anni fa!

Predizione 10: L'uomo malato guarisce

Nel 1873, l'editore dell'edizione svedese di Advent Herald, il Sig. C. Carlstedt, si era gravemente ammalato di febbre Tifoidea. La signora White ed altri, furono chiamati al suo capezzale per pregare per lui. Tornando a casa dalla riunione di preghiera, la signora White sottolineò che il Signore era...

"presente con la sua potenza di guarigione, per rialzare Carlstedt, la cui malattia non lo avrebbe portato alla morte, ma alla gloria del Figlio di Dio." (Charles Lee, Three Important Questions for Seventh-Day Adventists to Consider)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Charles Lee, che era a quel tempo un ministro avventista del Settimo Giorno, fu presente alla riunione di preghiera e fu testimone della predizione della signora White. Sfortunatamente la White si sbagliò completamente. Carlstedt morì entro una settimana dalla sua dichiarazione. Una predizione orribilmente fallita.

Predizione 11: Il Rappings (forma di comunicazione con i morti) aumenterà

La signora White dichiarò di aver visto in una visione mandata da Dio che il rapping delle Sorelle Fox e degli altri, come loro, sarebbe aumentato:

Ho visto che presto sarà considerata  bestemmia parlare contro il rapping, e che questo si estenderà sempre di più. Quel potere di Satana aumenterà ed alcuni dei suoi discepoli devoti avranno facoltà di fare miracoli e anche fare scendere il fuoco dal cielo davanti alla vista degli uomini. Early Writings, p. 59.

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Questa profezia fu un grosso fallimento. Anche se il movimento del Rapping crebbe in popolarità per un breve periodo durante la metà del 1800, alla fine diminuì. Il movimento rapping era già in declino prima che le sorelle Fox nel 1888 ammettessero che il rapping era stato falsificato. Dopo la loro morte, nel 1890, il movimento continuò a diminuire. Oggi, se chiedi a qualcuno se conosce il "rapping", ti risponderà che si tratta di un genere musicale, non una forma di comunicazione con i morti. Il Rapping è svanito completamente dalla conoscenza pubblica. Non abbiamo trovato nessuna prova che sia mai stato considerato "bestemmia parlare contro il rapping." L’intero movimento Rapping andò in fumo nel 1920, dopo che il popolare mago Harry Houdini, svelò che numerosi medium conosciuti, erano ingannatori e fraudolenti. Per un dibattito più dettagliato sullo Spiritismo, le Sorelle Fox, e il movimento moderno New Age, Cliccare QUI.

Si sono verificate alcune delle sue predizioni?

Ellen White fece alcune vaghe predizioni, circa l’aggravarsi della criminalità e l’aumento dell’inquinamento nelle città. E’ difficile giudicare questo tipo di predizioni. Molte altre persone ai sui tempi facevano affermazioni analoghe. Il problema è che se consideriamo come profeti tutti quelli che hanno fatto predizioni così generiche, avremmo letteralmente migliaia di profeti. Le predizioni generiche circa l’aggravarsi della criminalità e l’aumento dell’inquinamento non sono sufficienti ad affermare che chi le ha pronunciate sia un profeta. Un profeta deve essere valutato su predizioni specifiche e risultati altrettanto specifici.

Che dire delle predizioni scritte nel Gran Conflitto?

Alcune persone affermano che le predizioni scritte nel Gran Conflitto, come ad esempio, quella nella quale Ellen White afferma che negli Stati Uniti sarebbe stata imposta l'osservanza della domenica, sembra che stiano per verificarsi. Ciò, proverebbe che Ellen White, è un profeta. La verità è però che gli Stati Uniti sono sempre più lontani dall’emanare una Legge Nazionale sull’obbligo dell’osservanza della domenica . E che dire delle predizioni circa l’unione che si sarebbe realizzata tra papato e protestanti apostati? Ellen White diede questo avvertimento ma durante quel periodo, anche molti altri cristiani non-avventisti affermavano la stessa cosa. Ciò significa che anche queste altre persone sono dei profeti?

Che dire del Terremoto di San Francisco?

Forse, la volta in cui Ellen White fece un’esatta predizione del futuro, fu nel 1903, in una dichiarazione riguardante la distruzione di San Francisco:

"San Francisco e Oakland stanno diventando come Sodoma e Gomorra; il Signore quindi le visiterà. Tra non molto tempo, loro soffriranno sotto il Suo giudizio." --Ms 30, 1903.

Sebbene non abbia mai specificato quale "giudizio" sarebbe giunto, la signora White ebbe ragione al 50% con questa predizione. San Francisco fu colpita da un terremoto tre anni dopo, nel 1906. Oakland tuttavia non fu danneggiata seriamente. Il fatto abbastanza strano, è che la signora White non fece mai alcun tentativo di avvertire i residenti di San Francisco dell’imminente terremoto.

Test 1 – Decidi tu: Passa o Fallisce?

Abbiamo citato undici casi in cui le sue predizioni hanno fallito. Ricorda, basta soltanto un fallimento a squalificare un profeta. Anche se fossimo stati generosi e avessimo dato per buona la predizione del terremoto di San Francisco  - sebbene non abbia mai detto specificatamente che vi sarebbe stato un "terremoto" e l'avvertimento sia stato incluso soltanto in un manoscritto che fu pubblicato dopo l'avvenimento - avrebbe fatto una predizione giusta su dodici. Cioè meno del 10%. Ciò la metterebbe allo stesso livello dei moderni sensitivi, che hanno solitamente questa percentuale di successo. Comunque, è molto lontana dall’uguagliare i profeti Biblici, che erano corretti il 100% delle volte. Ai tempi della Bibbia, bisognava essere corretti al 100%, altrimenti si rischiava di perdere la vita. Preso atto di questo, è davvero improbabile che Ellen White, ai tempi della Bibbia, avrebbe osato proclamarsi: "lo Spirito di Profezia".

TEST 2: Non vedere falsità nelle visioni

 

«Ecco», dice il SIGNORE, «io vengo contro quelli che profetizzano sogni falsi,
che li raccontano e traviano il mio popolo con le loro menzogne e con la loro temerarietà, sebbene io non li abbia mandati e non abbia dato alcun ordine,
ed essi non possano recare alcun giovamento a questo popolo», dice il SIGNORE. G
er. 23:32

 

Talvolta, Ellen White profetizzò delle falsità che fecero cadere in "errore" le persone che la seguivano. Il più significativo di questi, fu la visione della “porta della salvezza chiusa”.

 

Falsità 1: La porta della Salvezza è chiusa

Quando nel 1844 Cristo non ritornò, ci fu grande confusione fra i discepoli di William Miller. La maggior parte dei Milleriti ritornò nelle chiese d’origine ma altri non lo fecero, a causa della vergogna nel dover ammettere il proprio errore, o a causa del fatto che si sentivano umiliati a ritornare. È proprio fra queste persone che l’insegnamento della “porta chiusa” prese piede. L'insegnamento si basava sulla parabola delle dieci vergine di Matteo 25. Queste persone avevano fermamente creduto di partecipare al "grido di mezzanotte" (Matt. 25: 6) quando Gesù, lo Sposo, sarebbe venuto alla "cena del matrimonio" il 22 ottobre, 1844:

“Ma, mentre quelle andavano a comprarne (di olio per le lampade), arrivò lo sposo; e quelle che erano pronte entrarono con lui nella sala delle nozze, e la porta fu chiusa.” (Matt. 25:10)

 

Da quel momento, essi presero ad insegnarono che il 22 ottobre 1844, Cristo era passato dal Luogo Santo al Luogo Santissimo. Così facendo, Cristo aveva chiuso la porta della salvezza a tutti, eccetto coloro che avevano creduto nell’avvento e che avevano seguito il movimento di Miller nel 1844. Essi credevano che Gesù "si era chiuso dentro" con gli eletti, per prepararli a ricevere il Suo regno. Credevano che dal 22 ottobre 1844, Cristo avrebbe predicato soltanto al "piccolo gregge" o "Israele" (cioè, i credenti dell’ Avvento). Essi insegnarono che Cristo stava provando i Suoi figli su alcune verità, come ad esempio il rispetto del Sabato, e che il loro lavoro in favore della salvezza degli altri era concluso.

Ellen White, ebbe delle visioni a supporto della dottrina della "porta chiusa" e, il giornale di James White - Present Truth – gridò ai quattro venti l’insegnamento della “porta chiusa”, fino al 1850. Molti Avventisti, incluso lo stesso William Miller, con la maggior parte dei dirigenti del movimento Millerita, rigettarono questa dottrina. Essa fu accettata solo da un piccolo numero di discepoli di Joseph Bates e degli White. All’inizio del 1850, "la porta chiusa" iniziava ad “aprirsi”. A coloro che nel 1844 erano cristiani, ma non avevano avuto l'opportunità di sentire il messaggio di Miller, fu consentito di entrare nella chiesa. Verso la fine del 1850 la "porta chiusa" si era aperta un altro pochino. Gli avventisti rimasero scioccati, quando nell’agosto del 1850 un uomo, che nel 1844 non era credente, accettò il messaggio avventista e cominciò ad assistere alle loro riunioni. Era la prima conversione di un uomo non ancora convertito nel 1844!

Nel 1851, quando divenne evidente che Cristo non sarebbe tornato, gli White modificarono la loro dottrina della "porta chiusa". James White, abbandonò la rivista Present Truth e diede vita ad una nuova rivista: la Review and Sabbath Herald. J. White ristampò le visioni della moglie nel 1851, ma si premurò di eliminare quelle parti che si riferivano alla dottrina fallita della “porta chiusa”. La dottrina scomparve dagli scritti dei dirigenti e la maggior parte dei nuovi convertiti nella chiesa, non ne sentirono mai parlare, né seppero mai che il loro profeta, nelle sue visioni, aveva visto la "porta della salvezza chiusa".

Gli anni tra il 1844 e il 1850, erano stati un periodo in cui la signora White aveva ricevuto frequentemente le sue visioni in pubblico e, in diverse occasioni, aveva dichiarato di aver visto che la porta della salvezza era stata chiusa e che pertanto, non ci sarebbe stato più bisogno che gli avventisti lavorassero per la salvezza del mondo. Otis Nichols, credente fervente di Ellen White, scrisse quanto segue a William Miller:

Il suo messaggio (di Ellen White) era...che il nostro lavoro era stato fatto per la chiesa e per il mondo e ciò che restava da fare ora, era per la famiglia dei fedeli. --DF 105, Otis Nichols a William Miller, 20 aprile 1846.

 

Il ministro avventista Isaac Wellcome dichiara:

 

“Spesse volte sono stato presente agli incontri con Ellen G. Harmon e James White tra il 1844 e il 1845. Diverse volte, mi capitò di prenderla, mentre stava cadendo sul pavimento – a volte, quando aveva una visione, lei sveniva. Le ho sentito raccontare le sue visioni, in occasione di questi incontri. Parecchie di queste visioni stampate su dei fogli, dicevano che tutti erano ormai perduti, tranne coloro che avevano accettato e supportato il movimento del 1844, il quale sosteneva che Cristo aveva lasciato il trono della pietà e che tutti quelli che dovevano ricevere il sigillo, erano stati sigillati, e ancora, che nessun altro si sarebbe potuto pentire. (An Examination of Mrs. Ellen White's Visions, Miles Grant, Boston: Published by the Advent Christian Publication Society, 1877).

 

Sebbene la White abbia successivamente negato di aver mai avuto visioni che sostenevano la dottrina della porta per la salvezza chiusa, vi sono svariate prove, alcune provenienti da testimoni oculari e alcune dalla sua stessa penna, dove lei insegnava la dottrina della porta chiusa sulla base delle sue visioni. In una delle sue prime visioni, ella descrisse come fosse impossibile per il mondo “rigettato”  prendere il sentiero che conduce al cielo:

 

"Gli altri hanno gettato la luce dietro di sé e hanno affermato che non era Dio che li aveva condotti fino a quel momento. La luce è uscita da queste persone, lasciando i loro piedi nella perfetta oscurità; essi sono inciampati e hanno perso di vista Gesù, hanno smarrito il sentiero e sono caduti giù nell’oscurità del mondo malvagio. Era proprio impossibile per loro riprendere il sentiero verso la Città, come tutto il mondo malvagio che Dio aveva rigettato."(A Word to the Little Flock, 1847)

 

Nel 1849, Ellen White scrisse della condizione di coloro che facevano parte di altre chiese:

"L’angelo che mi accompagna, mi ha istruito circa il travaglio delle anime dei peccatori, come era solito fare. Ho guardato, ma non potevo vedere; il tempo per la loro salvezza è finito." (Present Truth, Agosto, 1849)

Per illustrare come la visione della White, a proposito della dottrina della "porta chiusa per la salvezza", condusse le persone all’errore, basta considerare quella che ebbe ad Exeter, nel Maine, dove abbiamo un esempio chiaro, di come Ellen White vide cose false nelle visioni (cioè, la porta della salvezza chiusa). Ella poi raccontò quella visione alle persone che accettarono quel falso insegnamento:

 

“Durante un incontro ad Exeter, nel Maine, con Israel Demmon, James e molti altri, molti di loro, non credevano alla dottrina della porta chiusa. All'inizio della riunione ho sofferto molto, l'incredulità sembrava essere ovunque. Una sorella presente a quell’incontro, era considerata molto spirituale. Aveva viaggiato ed era stata una potente predicatrice per vent’anni. Era stata veramente una madre in Israele. Ma, nel gruppo, era sorta una divisione a proposito della porta chiusa. Lei, persona molto compassionevole, non credeva che la porta della salvezza fosse chiusa. (Io non sapevo niente delle loro differenze). La sorella Durben si alzò per parlare ed io mi sentii molto, molto triste.

Col passare del tempo, il mio animo sembrava essere in agonia e mentre ella parlava, sono caduta dalla mia sedia sul pavimento. È lì che ho visto Gesù alzarsi dal suo torno di mediatore e andare nel luogo santissimo come Sposo, per ricevere il Suo regno. Tutti i presenti erano profondamente interessati alla visione e dissero che ciò era assolutamente nuovo per loro. Il Signore lavorò potentemente facendo entrare la verità nei loro cuori. ...Quando finì la visione, le mie orecchie furono salutate dal canto e dalle grida della sorella Durben. La maggior parte di loro accolse la visione e furono informati sulla porta chiusa.” Manuscript Releases Vol. 5, p. 97.

Passa o Fallisce? FALLISCE

Fate attenzione a questo aspetto: prima della visione, la sorella Durben "non poteva credere" che la porta della salvezza fosse stata chiusa. La signora White riferisce che la sorella Durben aveva una “grande compassione”. Compassione per chi? Per quelli a cui la porta della salvezza era stata chiusa? Non poteva credere che Dio potesse abbandonare queste persone alla morte eterna. Dopo la visione, la sorella Durben accettò la dottrina della porta chiusa. Quindi, la visione di Ellen White convinse la sorella Durben ad accettare e a credere ad una falsità. (Per saperne di più sulla dottrina della porta chiusa, clicca qui).

 

Falsità 2: Le Visioni sul Tempo del sigillo

Le visioni della Sig.ra White sul "tempo del sigillo", forniscono la prova inequivocabile che lei ha fallito il test per i profeti. Per iniziare, riesaminiamo l'insegnamento di Ellen White riguardante il tempo del sigillo, come scritto nel “Gran Conflitto” pietra miliare dei suoi libri:

“Quando gli uomini saranno sottoposti alla prova finale, una linea di demarcazione sarà tracciata fra coloro che sono fedeli a Dio e coloro che non lo servono. Da un lato l’osservanza del falso sabato (nella versione inglese è scritto falso sabato, mentre nella traduzione italiana è tradotto: falso giorno di riposo), in ottemperanza alla legge dello stato e in opposizione al quarto comandamento, rappresenterà un atto di sottomissione al potere che si oppone a Dio, dall’altro l’osservanza del sabato, nel rispetto della legge di Dio, sarà una dimostrazione di fedeltà al Creatore. Mentre gli uni, accettando il segno di adesione al potere terreno, riceveranno il marchio della bestia, gli altri, scegliendo il segno dell’adesione all’autorità divina riceveranno il suggello di Dio.” (Il Gran Conflitto, p. 473, della versione italiana o p. 605 nella versione inglese)

 

Nota il seguito:

  1. La "prova finale" comprende la scelta di osservare il Sabato ebraico al posto del falso sabato (o falso giorno di riposo) imposto dal governo
  2. La "prova finale" era ancora futura, quando fu scritto il Gran Conflitto, pubblicato nel 1911. La White infatti, scrive usando il tempo futuro, quando afferma "quando gli uomini saranno sottoposti alla prova finale”...
  3. Quelli "che riceveranno il suggello" devono "provare" la loro fedeltà a Dio, scegliendo di seguire le Sue leggi piuttosto che le leggi dello Stato.
  4. Il "suggello di Dio" è dato a quelli che passano la "prova finale" scegliendo il Sabato ebraico di Dio, piuttosto che il “Sabato” imposto dallo Stato .
  5. Per ricevere il "suggello di Dio" si deve passare la "prova finale". Quindi, i sigilli non sarebbero ancora stati posti prima del 1911, perché la "prova finale" non era ancora venuta nel 1911.

Nel Gran Conflitto, Ellen White delinea le caratteristiche specifiche dei 144.000 con queste parole:

 

“Nessuno, ad eccezione dei 144.000 lo può imparare, perché è il canto della loro esperienza, che solo loro hanno vissuto. «...Essi son quelli che seguono l’Agnello dovunque vada». Traslati dalla terra fra i viventi, essi sono considerati «primizie a Dio ed all’Agnello...» (Apocalisse 15: 2, 3; 14:1-5). «...Essi son quelli che vengono dalla gran tribolazione» (7:14), hanno affrontato il «tempo di distretta» quale «non se n’ebbe mai da quando esistono le nazioni»: essi hanno conosciuto l’angoscia del tempo di «distretta di Giacobbe», hanno resistito senza intercessore, allo scatenarsi del giudizio finale ma sono stati liberati perché «...hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell’Agnello» (v. 14). «E nella bocca loro non è stata trovata menzogna: sono irreprensibili» (14:5). Essi hanno visto la terra devastata dalla carestia, dalla pestilenza e dal calore di un sole divorante; hanno dovuto sopportare la sofferenza, la fame e la sete." (Ibid. p. 507 versione italiana o p. 649 versione inglese).

 

Quanto scritto indica chiaramente che i 144,000 – coloro che hanno ricevuto il sigillo di Dio - si riconosceranno dai seguenti aspetti:

  1. Saranno vivi e verranno trasformati al ritorno di Gesù 
  2. Passeranno attraverso il grande tempo della distretta
  3. Passeranno attraverso "il tempo di distretta di Giacobbe"
  4. Rimarranno in piedi senza un intercessore
  5. Sopravvivranno al giudizio finale di Dio sulla terra

Ovviamente, nessuno di coloro che è vissuto nel 1800, è passato attraverso una qualunque di queste esperienze, è quindi chiaro, che nessuno uomo vissuto nel 1800, ha ricevuto il sigillo o fa parte dei 144.000.

È ovvio, che la profetessa credeva che nel 1911, il tempo del sigillo fosse ancora lontano. Anche se effettivamente le "visioni" che ella ebbe 62 anni prima, dipingono un'immagine molto diversa da questa. Nel 1840, ella insegnò che il tempo del sigillo era in pieno svolgimento.

"Satana adesso, in questo tempo del sigillo, sta usando ogni mezzo per tenere lontano dal presente le menti degli uomini di Dio, sigillando la verità; con l’intento di destabilizzarli. Ho visto che Dio stendeva un velo di protezione sul suo popolo, per proteggerlo nel tempo della tribolazione; ed ogni anima decideva per la verità, era pura di cuore, era protetta dal velo di protezione di Dio Onnipotente." (Present Truth, 1 agosto 1849)

"Ho visto Satana al lavoro in questo modo, per distrarre, ingannare e allontanare il popolo di Dio, proprio adesso, in questo tempo del sigillo."(Ibid.)

Il 31 gennaio 1849, gli White pubblicarono un opuscolo intitolato "To Those who are Receiving the Seal of the Living God." ("A coloro che riceveranno il Sigillo del Dio Vivente") In quell'opuscolo Ellen White scrisse:

 

"Il tempo del sigillo è molto breve e presto si concluderà. Ora è il momento di accettare la nostra chiamata e prendere una decisione netta, fintanto che i quattro angeli manterranno i quattro venti."

 

La signora White arrivò addirittura al punto di identificare alcune delle persone che avevano ricevuto il sigillo di Dio, durante il tempo del sigillo...

 

Ho visto che lei [La Sig.ra Hastings, che era appena morta] ha ricevuto il sigillo e salirà alla voce di Dio e sarà sulla terra, e sarà con i 144.000. Ho visto che non dobbiamo piangere per lei; ella si riposerà nel tempo della tribolazione." (Lettera 10, 1850, 2SM 263).

 

In seguito, lei scrisse che alcuni degli uomini anziani della chiesa avevano ricevuto "il sigillo di Dio":

 

"Ci sono uomini, tutt’ora viventi sulla nostra terra, che hanno passato i novant’anni. Questi uomini di età avanzata sono visti nella loro debolezza ma essi credono in Dio, e Dio li ama. Il sigillo di Dio è su loro e faranno parte del numero di cui il Signore ha detto: 'Benedetti sono i morti che muoiono nel Signore.'" (Commentario Biblico della SDA, il vol. 7, p. 982).

 

Nel suo libro, A Seal of the Living God (Un Sigillo del Dio Vivente), pubblicato in 1849, Joseph Bates cita una visione che Ellen White ebbe sul tempo del sigillo. In questa visione Ellen White affermò che "non tutti" i santi avevano già ricevuto il sigillo. Questo, implicherebbe che porre il sigillo sui santi, era un’azione progressiva, mentre alcuni avevano già ricevuto il sigillo:

 

"Gli angeli trattengono i venti. È Dio che controlla i poteri. Gli angeli non hanno lasciato la presa, a causa di tutti i santi che non hanno ricevuto il sigillo. Il tempo di tribolazione è cominciato. È iniziato. La ragione per cui i quattro venti non sono stai lasciati andare, è perché non tutti i santi hanno ricevuto il sigillo. Esse [le difficoltà], aumentano sempre di più. Questa tribolazione non avrà fine finché la terra non verrà liberata dal maligno. Perché loro [i venti], sono già pronti a soffiare. Vi è però un ostacolo e cioè che non tutti i santi hanno ricevuto il sigillo." (A Seal of the Living God, pp. 25,26).

 

Non c’è dubbio: la signora White ha insegnato attraverso le sue visioni, che il tempo del sigillo era in piena attività nel 1849. E nuovamente, nel 1911, descrive l’atto di apporre il sigillo come un evento futuro, un'attività che avrebbe avuto luogo nel tempo della "prova finale".  Mentre la maggior parte degli avventisti era probabilmente ignara delle prime dichiarazioni della signora White, ci fu evidentemente qualcuno che notò la contraddizione, perché, successivamente, la signora White si lamentò di alcune domande che ricevette in proposito:

 

"Arrivano delle lettere che riportano domande riguardanti il sigillo al popolo di Dio: chi riceverà il sigillo, quanti saranno e altre domande indiscrete. Io penso che dovremmo dire a queste persone di leggere e parlare delle cose che sono chiaramente rivelate. Noi abbiamo l'incoraggiamento della Parola che se camminiamo umilmente con Dio, riceveremo istruzioni in merito. Ma la curiosità indiscreta non deve essere incoraggiata." (S.D.A. Bible Commentary, Vol. 7, p. 918)

 

Forse, una di quelle "domande indiscrete" che la signora White non riusciva a spiegare, era come fosse possibile che il tempo del sigillo avesse avuto inizio nel 1849, per poi apparentemente fermarsi e ricominciare di nuovo nel futuro. La signora White, in effetti, rispose: "Smettete di farmi domande sul sigillo!"

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Le prime visioni della signora White indicavano che il tempo del sigillo era iniziato e questo era totalmente falso. In seguito, nel Gran Conflitto, la signora White indicherà che il tempo del sigillo sarebbe iniziato nel futuro, quando il governo avrebbe imposto di festeggiare la domenica. Molti avventisti, secondo lo storico avventista Isaac Wellcome (battezzato da James White nel 1845), non sono a conoscenza della falsità dell’insegnamento riguardo al tempo del sigillo, perché l’anziano White soppresse le prime visioni della White:

"L’Anziano White aveva pubblicato parecchie visioni di Ellen su piccoli fogli per la distribuzione generale ma, dopo tempo, la teologia delle sue visioni successive era sostanzialmente diversa da quella precedente: le prime erano state soppresse... ma le visioni che vengono pubblicate adesso, sono nettamente in contrasto con quelle che le persone del New England conoscevano ed erano abituate a sentire dalle labbra della White, dopo che venivano raccolte in seguito al suo stato di chiaroveggenza e pubblicate su dei fogli, dall’anziano White." (History of the Second Advent Message, p. 407)

 

Falsità 3: Su Giove vivono delle persone alte!

Nel 1846 la signora White ebbe una "visione" sul sistema solare. La Sig.ra Truesdail, un’avventista coscienziosa e sincera, era presente alla visione. Ella descrive come la signora White vide "delle persone alte, maestose" che vivono su Giove o Saturno:

"La sorella White era molto debole di salute e mentre venivano offerte delle preghiere in suo favore, lo Spirito di Dio si è posato su noi. Immediatamente, notammo che ella non percepiva le cose terrestri. Questa fu la prima veduta del mondo planetario. Dopo che contò ad alta voce le lune di Giove e poco dopo quelle di Saturno, diede una bella descrizione degli anelli di quest’'ultimo. Disse poi: 'Gli abitanti sono persone alte, maestose, così diversi dagli abitanti della terra! Il peccato non è mai entrato qui.' "(Tratta da Mrs. Truesdail's letter, Jan 27, 1891)

Passa o Fallisce? FALLISCE!

Può essere vero? Ci sono persone alte e maestose che vivono su Giove e/o Saturno? Questo poteva sembrare plausibile nel 1846 ma oggi, secondo ciò che conosciamo di questi pianeti, sappiamo che ciò è impossibile. Le condizioni ambientali su entrambe i pianeti, come sappiamo, sono assolutamente incompatibili con la vita:

  1. Questi pianeti non hanno una superficie solida come la terra. Le superfici sono costituite interamente da un mare di idrogeno liquido, profondo centinaia di miglia.
  2. La pressione atmosferica, è milioni di volte maggiore di quella terrestre. Questa pressione basterebbe a frantumare i metalli più duri.
  3. Numerose sonde spaziali hanno esaminato questi pianeti impiegando una tecnologia avanzata e non hanno rivelato alcun segno di vita. Nessuna pianta. Nessun animale. Nessuna persona alta. Niente, tranne idrogeno, elio e altri gas.

La falsa visione della signora White a proposito delle persone alte che vivono su Giove, non ha fatto probabilmente nessuno danno alla chiesa, tuttavia, questo fatto aiuta a dimostrare il fatto che Dio non era la fonte delle sue "visioni".

 

Falsità 4: Satana ha un corpo!

La signora White ebbe una visione nella quale dichiarò di avere visto il corpo di Satana. La visione fu pubblicata in Spiritual Gifts e nella versione del 1888 de Il Grande Conflitto ma, successivamente, fu tolta e non appare più nella versione del Gran Conflitto venduta oggi dalla Chiesa Avventista del Settimo Giorno. Forse gli editori hanno creduto che questa dichiarazione avrebbe causato una grande controversia, in quanto contraddice l’insegnamento della Bibbia a proposito di Satana. Questo è ciò che la signora White vide nella visione:

"Mi è stato allora mostrato Satana, così com’era, un felice ed esaltato angelo. Poi mi è stato mostrato come è adesso. Ha ancora una forma regale, le sue caratteristiche sono ancora nobili, per un angelo caduto. Ma l'espressione del suo volto è piena di ansia, preoccupazione, infelicità, malizia, odio, furbizia, inganno ed ogni cosa malvagia. Ho notato in particolare, quel sopracciglio, che fu un tempo così nobile. La sua fronte cominciava dagli occhi e continuava fino a dietro la testa (Era calvo). Ho visto che si era degradato per così tanto tempo che, che ogni buona qualità era sparita e ogni tratto malvagio si era sviluppato. I suoi occhi erano scaltri, infidi e penetranti. La sua figura era grande ma la carne si presentava flaccida sia sulle sue mani che sul suo volto. Quando l'ho guardato, appoggiava il mento sulla sua mano sinistra. Sembrava che fosse profondamente immerso nei suoi pensieri. Sul suo volto c’era un sorriso, che mi ha fatto tremare: era cosí pieno di astuzia malvagia e Satanica." (Spiritual Gifts, Vol. 1, p. 27)

Ellen White descrisse Satana come un "angelo" caduto e continuò poi descrivendo alcune caratteristiche fisiche:

  1. Fronte stempiata
  2. Sguardo penetrante
  3. Grande figura
  4. Carne flaccida delle mani e del volto

Passa o Fallisce? FALLISCE!

La Bibbia insegna che gli esseri angelici non sono composti di carne e ossa come noi:

Il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti” (Efesini. 6:12)

 

Quando la Bibbia parla di esseri malvagi, si riferisce costantemente a degli "spiriti":

 

... ed egli, con la parola, scacciò gli spiriti... (Matt. 8:16)
...
diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi (Matt. 10:1)
...
e gli spiriti maligni uscivano ... (Atti 19:12)
… nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori (1 Tim. 4:1)
…essi sono spiriti di demòni capaci di compiere dei miracoli… (Apocalisse 16:14)

 

Satana, il capo degli angeli caduti, è descritto nella Bibbia come un "angelo":

 

Non c'è da meravigliarsi, perché anche Satana si traveste da angelo di luce (2 Cor. 11:14)

 

In Ebrei troviamo esseri angelici descritti come "spiriti":

 

“E mentre degli angeli dice: «Dei suoi angeli egli fa dei venti, e dei suoi ministri fiamme di fuoco»”;

 “Essi non sono forse tutti spiriti al servizio di Dio, mandati a servire in favore di quelli che devono ereditare la salvezza?” (Ebrei 1:7,14)

 

Questi testi mostrano che la Bibbia insegna che gli esseri angelici sono degli "spiriti" e quegli esseri, non hanno un corpo composto di "carne e sangue". Questa "visione" contraddice la Bibbia e mostra che le visioni di Ellen White non provengono da Dio.

 

Test 2 – Decidi tu: Passa o Fallisce?

Abbiamo citato quattro episodi in cui la Sig.ra White ebbe false visioni con le quali condusse fuori strada la sua gente: insegnava che la “porta della salvezza era chiusa”; annunciava che il tempo del sigillo era cominciato nel 1840, quando invece a tutt’oggi non è ancora cominciato; insegnava che su altri pianeti del nostro sistema solare, vivevano persone molto alte e che Satana aveva un corpo fisico. Si potrebbe continuare ma questi fatti, sono sufficienti a provare che le sue visioni non sono venute da Dio.

TEST 3: Non si può rubare gli scritti ad altri

La Bibbia identifica i falsi profeti come coloro che si appropriano degli scritti di altri:

«Io ho udito ciò che dicono i profeti che profetizzano menzogne nel mio nome, dicendo: "Ho avuto un sogno! Ho avuto un sogno!"’… Perciò, ecco», dice il SIGNORE, «io vengo contro i profeti che rubano gli uni agli altri le mie parole...» (Ger. 23:25,30)

 

Molto è stato scritto sui tanti plagi della White. Prima della pubblicazione di Walter Rea “The White Lie” (La bugia bianca) del 1983, gli avventisti ammisero che l’8-10% dei lavori della  White, erano stati copiati da altri testi. La chiesa Avventista del 7° giorno assunse il Dott. Fred Veltman, studioso avventista, per esaminare Desire of Ages (La Speranza dell’uomo). Egli trovò che il 30% e oltre, a seconda del capitolo esaminato, era stato copiato. Dopo una grande ricerca durata quasi otto anni, Veltman confermò quello che altri studi avevano già dimostrato e cioè che, a seconda del materiale esaminato, il lavoro copiato arrivava fino al 90%.1 Il Dott. Veltman annotò:

 

“Implicitamente o esplicitamente, Ellen White ed altri che parlavano in suo favore, non ammisero ma mai negarono la dipendenza letteraria che la White aveva... “

Devo ammettere che a mio giudizio il problema più serio da affrontare è quello connesso con la “dipendenza” letteraria di Ellen White. Colpiscono il cuore, la sua onestà, la sua integrità e quindi la sua attendibilità."( Ministry, Dicembre. 1990, p. 11.14)

Il Dott. Don Mc Adams, uno studioso Avventista, al meeting di Glendale del 1980 dichiarò:

"Se ogni paragrafo nel libro Great Controversy (Il Gran Conflitto), scritto da Ellen White, era correttamente corredato di riferimenti, allora, ogni paragrafo avrebbe dovuto essere postillato."2

 

Le prove sono così numerose, che non le si può scrivere tutte su questa pagina. Qui sotto sono riportati dei link ad altre pagine che spiegano più dettagliatamente la questione del plagio:

 

 

Test 3 - Decidi tu: Passa o Fallisce?

La prova che ha tratto i suoi "scritti ispirati" dai suoi "vicini” è schiacciante. Questo indica che ella ha fallito il terzo test per un profeta. Per esaminare tutte le prove di plagio dettagliatamente, CLICCA QUI.

TEST 4: Non contraddire la Parola di Dio

“Alla legge! Alla testimonianza!» Se il popolo non parla così, non vi sarà per lui nessuna aurora!” (Isaia 8:20)

La Sig.ra White, ha fatto molti riferimenti alla Bibbia durante la sua “carriera profetica”, ha frequentemente incoraggiato i suoi seguaci a leggere la Bibbia, a studiarla e a memorizzarla. Per questo motivo, molti avventisti sono rimasti sorpresi nello scoprire che lei stessa ha contraddetto la Bibbia diverse volte nei suoi scritti.

Ci sono parecchi esempi, troppo lunghi per includerli in questa pagina web, ne elenchiamo di seguito alcuni, in modo che tu possa approfondire:

  1. Il Movimento del 1844, fu un adempimento del messaggio del primo e del secondo  angelo?
  2. Il Giudizio Investigativo

Non c’è sufficiente spazio in questa pagina, per i dettagli di tutte le altre contraddizioni tra la White e la Scrittura ma ne inseriamo di seguito una piccola parte:

1. Satana ingannò Adamo?

Ellen White

Santa Bibbia

Satana, che è il padre delle bugie, ingannò Adamo in un modo simile, dicendogli che non aveva bisogno di obbedire a Dio e che non sarebbe morto se avesse trasgredito la legge. Evangelism, p. 598.

E Adamo non fu sedotto; ma la donna, essendo stata sedotta, cadde in trasgressione; 1 Timoteo 2:14

NOTA: 1 Tim. 2:14 dice che Adamo NON fu ingannato (dal greco apato: truffare/ sedurre/ ingannare) poiché Eva fu "apato" (truffata/sedotta/ingannata). 2 Corinzi 11:3 dice "il serpente sedusse Eva con la sua astuzia (dal greco panourgia: astuzia/furbizia)". In 1 Tim. 2:14, Paolo dice che Eva era stata ingannata ma Adamo no. Questo è una contraddizione evidente. Paolo contrappone il fatto che Eva fu sedotta, mentre Adamo non fu sedotto, non fu ingannato e non fu ingannato dal serpente.

2. Israele fu distrutto per l’ingordigia?

Ellen White

Santa Bibbia

Dio esaudì il loro desiderio, dandogli la carne e li lasciò mangiare fino a che la loro ingordigia produsse una piaga. Counsels on Diet and Foods, p. 148

Avevano ancora la carne tra i denti e non l'avevano neppure masticata, quando l'ira del Signore si accese contro il popolo e il Signore colpì il popolo con un gravissimo flagello. (Num. 11:33)

NOTA: La piaga è avvenuta prima che il popolo avesse potuto mangiare il cibo. Il popolo fu punito per ciò che agognavano, non per l’ingordigia. Agognare significa desiderare ardentemente qualcosa che Dio vieta. L’ingordigia è l’abitudine a mangiare troppo. Brama e ingordigia sono due peccati molto diversi. L’ingordigia non è mai menzionata in Numeri 11:33-34. La Bibbia è chiara, il popolo morì a causa del peccato di bramare. Sono morti, mentre il cibo era ancora nella loro bocca, come la Versione New King James dice, "prima che fosse masticato."

Gli israeliti avevano violato il 10° comandamento, che vieta all'uomo di bramare ciò che gli è proibito. Desiderare o bramare è vietato dal patto di Dio con Israele, Dio esegue una pena capitale per la violazione della legge. Al contrario, l’ingordigia non è esplicitamente vietata nell'alleanza di Dio con Israele. Infatti, perchè Dio avrebbe punito con la morte per un peccato che non era vietato nel suo patto con Israele? Dio punisce le persone in base alla gravità del loro peccato. Se il peccato degli israeliti è stato la violazione del patto di Dio con Israele (il 10° comandamento) Dio fu giustificato nel dare la punizione appropriata per quella violazione – in questo caso la morte. Comunque, l’ingordigia non rappresentava la violazione dei 10 Comandamenti e da nessuna parte nella Bibbia troviamo che per l’ingordigia qualcuno è stato punito con la morte.

3. Possiamo noi essere certi della nostra salvezza?

Ellen White

Santa Bibbia

Quelli che accettano il Salvatore, anche se sinceri nella loro conversione, non dovrebbero mai dire o sentire che sono salvati. Christ's Object Lessons, p. 155

Vi ho scritto queste cose perché sappiate che avete la vita eterna, voi che credete nel nome del Figlio di Dio. (1 Giovanni 5:13)

NOTA: Lo scopo per cui l'apostolo Giovanni scrisse la sua lettera, fu quello di assicurare ai credenti che avevano ottenuto la vita eterna. In Efesini 2:8 la versione New King James dice: "Per grazia che SEI STATO salvato..." Il verbo greco "essere stato" è este, modo indicativo, tempo passato prossimo. Il passato prossimo indica un'azione completata.

4. E’ un peccato essere malati?

Ellen White

Santa Bibbia

È un peccato essere malati; per tutti la malattia è il risultato della trasgressione. Health Reformer, Agosto. 1, 1866

Satana si ritirò dalla presenza del SIGNORE e colpì Giobbe [“saldo nella sua integrità”(Giob 2:3)] di un'ulcera maligna dalla pianta dei piedi alla sommità del capo; Giobbe prese un coccio con cui grattarsi, e si sedette in mezzo alla cenere. (Giobbe 2:7)

NOTA: Com’è possibile che tutte le malattie siano il risultato della trasgressione? Dio disse che Giobbe era "un uomo integro." (Giobbe 2:3). Paolo aveva una "spina" nel suo corpo che lo rendeva debole (2 Cor. 12:7-10). Era a causa di un peccato che Paolo aveva questo problema? È strano che proprio la Sig.ra White abbia fatto questa dichiarazione, dato che era spesso malata. Suo marito e due dei suoi figli, morirono di malattia. Crediamo forse che siano stati i loro peccati a condurli alla morte?

5. I cristiani fanno offerte per il peccato?

La fonte: Cultic Doctrine, p. 371

Ellen White

Santa Bibbia

Porta le tue offerte per il peccato, le tue offerte di ringraziamento e le tue offerte libere; umilia il tuo cuore davanti al Signore, e lo troverai sempre pronto a ricevere e a perdonare. Review and Herald, July 8, 1880

Gesù, dopo aver offerto un unico sacrificio per i peccati, e per sempre… Ora, dove c'è perdono di queste cose, non c'è più bisogno di offerta per il peccato. Eb. 10:12,18

NOTA: Questo probabilmente è stato utile per le finanze della chiesa Avventista ma sotto Il Nuovo Patto, Gesù ha pagato il prezzo del peccato per tutte le persone, una volta per sempre.

6. Chi ha parlato a Caino?

La fonte: www.truthorfables.com

Ellen White

Santa Bibbia

L'avvertimento divino è stato portato "Attraverso un angelo messaggero: 'Se fai bene, non sarai tu accettato?'" [Patriarchs and Prophets (Patriarchi e Profeti, p. 74)].

"Il Signore disse a Caino: «Perché sei irritato? E perché hai il volto abbattuto? … Se agisci bene, non rialzerai il volto? Ma se agisci male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi desideri sono rivolti contro di te; ma tu dominalo!» … Il signore disse: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dalla terra. …» … Caino disse al Signore: «Il mio castigo è troppo grande perché io possa sopportarlo. …» … Ma Il Signore gli disse: «Ebbene, chiunque ucciderà Caino, sarà punito sette volte più di lui». Il Signore mise un segno su Caino, perché nessuno, trovandolo, lo uccidesse. Caino si allontanò allora dalla presenza del Signore e si stabilì nel paese di Nod, a oriente di Eden. (la Genesi 4:6, 7, 10, 13, 15, 16).

7. Gesù è il Dio Onnipotente?

La fonte: www.truthorfables.com

Ellen White

Santa Bibbia

"L'uomo Cristo Gesù, non era il Signore Dio Onnipotente" (Lettera 32, 1899, citato nel Seventh-day Adventist Bible Commentary, vol. 5, p. 1129).

“Poiché un bambino ci è nato, un figlio ci è stato dato, e il dominio riposerà sulle sue spalle;
sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente,
Padre eterno, Principe della pace,”
(Isaia 9:5).

8. Dio odia i bambini malvagi?

Ellen White

Santa Bibbia

"Dio ama i bambini onesti di cuore, sinceri, ma non può amare quelli disonesti. . . . Il Signore ama quei piccoli fanciulli che provano a fare bene e ha promesso che essi saranno nel suo regno. Ma Dio non ama i bambini malvagi . . . . Quando ti senti tentato di parlare, impaziente ed irritabile, ricorda che il Signore ti vede e non ti amerà se sbagli."( An Appeal to the Youth, il pp. 42, 61, 62)

"Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.." (Rom. 5:8)
"Amate i vostri nemici" (Luca 6:27).

NOTA: Probabilmente, Ellen White era in costante comunicazione con il cielo attraverso i sogni, le visioni e le visite angeliche. Come potrebbe una persona in contatto diretto con il cielo sbagliarsi così terribilmente circa il carattere di Dio? La Sig.ra White dice che Dio non ama i bambini cattivi. Questo è esattamente l'opposto dell’insegnamento di Cristo.

"Se qualcuno insegna una dottrina diversa e non si attiene alle sane parole del Signore nostro Gesù Cristo e alla dottrina che è conforme alla pietà, è un orgoglioso e non sa nulla; ma si fissa su questioni e dispute di parole, dalle quali nascono invidia, contese, maldicenza, cattivi sospetti " (1 Tim. 6:3,4)

 

Test 4 - Decidi tu: Passa o Fallisce?

Sebbene sia vero che nella maggioranza dei casi, gli scritti della Sig.ra White sono in accordo con la Bibbia, abbiamo dimostrato che, a volte, ella contraddice la Bibbia. Dovremmo forse trascurare il fatto che contraddice la Bibbia in alcuni casi, perché la maggioranza dei suoi scritti è in accordo con la Bibbia? È giusto mescolare la verità con una piccola quantità di errori? Ella, non solo contraddisse la Bibbia, fece delle aggiunte alla Bibbia con innumerevoli restrizioni e regole che non sono presenti da nessuna parte nella Scrittura. Crediamo quindi alle evidenze mostrate, secondo le quali la White ha fallito il test del profeta. Per esaminare ulteriori prove, CLICCA QUI.

TEST 5: Porterà buoni frutti

 

«Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono verso di voi in vesti da pecore, ma dentro son lupi rapaci. Li riconoscerete dai loro frutti…. Matt. 7:15,16

Questo è forse il test Biblico più soggettivo. Una persona può percepire che un frutto è “buono” mentre un’altra persona no. Una persona magari ama le mele aspre, mentre un altro preferisce le mele dolci. Se entrambi scelgono una mela dallo stesso albero, ad uno può piacere mentre all'altro non piace. C'è grande controversia riguardo i frutti del ministero della Sig.ra White.

I Frutti buoni: Dal lato positivo, molte persone hanno affermato di essere state benedette dai libri di Ellen White. Ci sono molte belle e ispirate dichiarazioni nei suoi scritti (malgrado alcune di queste in realtà siano state scritte da altri autori). Molte persone, incluso l'editore di questo sito web, hanno trovato che Step to Christ e Desire of Age sono libri  particolarmente ispirati. Alcuni avventisti dichiarano di essere stati salvati avendo letto i suoi scritti. Altri avventisti dichiarano che “Testimonies” li hanno aiutati a vincere il peccato, condotti ad una vita migliore, migliorare la propria salute o diventare una persona migliore. Milioni di libri di Ellen White sono stati pubblicati e distribuiti in ogni parte del mondo. Non c’è alcun dubbio che tali scritti hanno toccato in maniera positiva un innumerevole numero di vite. Questi sono frutti buoni e devono essere applauditi.

Frutti mescolati: la Sig.ra White fu una forza nella guida della Chiesa Avventista del Settimo Giorno durante i suoi anni formativi. Gli oppositori di Ellen White, puntualizzarono che ella condusse la chiesa fuori strada su molte dottrine principali. Nei primi anni Ellen White mise il suo timbro profetico di approvazione su alcune dottrine molto discutibili, come il Giudizio Investigativo e la Porta chiusa. I favorevoli ad Ellen White indicarono che lei aveva introdotto la riforma sanitaria nella chiesa e che questo aveva evidentemente giovato ad alcuni membri di chiesa, sebbene non ci sia un consenso completo su questo punto. La Sig.ra White fu un aiuto per la guida della chiesa lontano da una veduta ariana di Cristo, verso una veduta più ortodossa, più trinitaria di Dio. Quando A.T. Jones ed E.J. Waggoner iniziarono a predicare il “messaggio 1888" sulla giustificazione per fede, la Sig.ra White, sostenne subito quel messaggio.

I Frutti cattivi: Ci sono un numero di dichiarazioni, specie in Testimonies, dove la Sig.ra White rivela una natura severa, critica, legalistica, censoria. Questo avveniva soprattutto quando parlava dei suoi avversari, che giudicava come sotto l'influsso di agenti satanici. Sfortunatamente, alcuni avventisti hanno dichiarato di aver acquisito lo stesso spirito severo, critico, censorio e legalistico dopo aver letto i suoi scritti. Alcune persone sostengono che i suoi scritti hanno fatto sì che la chiesa non avanzasse nella nuova verità, affermano che essi hanno chiuso la chiesa dentro interpretazioni profetiche che non hanno più senso al giorno d’oggi. Altri dicono che la moltitudine di regole date da Ellen White, hanno precluso gran parte dei divertimenti e del piacere della vita stessa, trasformandola in un tedio legalistico. Altri dicono che la sua enfasi sulla perfezione del carattere ha causato nei membri di chiesa, la sensazione di essere inadeguati e pieni di sensi di colpa.

Test 5 - Decidi tu: Passa o Fallisce?

Non c’è dubbio che il ministero della Sig.ra White abbia prodotto alcuni buoni frutti. Neanche il critico più feroce, può negare questo. C'è anche il piccolo dubbio che il suo ministero abbia prodotto alcuni frutti cattivi. Neanche il discepolo più fedele può negarlo. Alcuni dicono che la parte buona pesi più della cattiva. Altri, dicono che c'è più cattivo che buono. Con tutta imparzialità, non possiamo dire che Ellen White abbia fallito questo test. Ad ogni modo, a causa dei frutti negativi del suo ministero evidenziati sopra, non possiamo neanche dire che la White passa definitivamente il test. A questo test lasciamo il punto di domanda per lasciar decidere il lettore. Ogni persona dovrà usare il giudizio “dato da Dio” e la propria esperienza personale come guida per decidere per loro stessi se i frutti della Sig.ra White  sono stati buoni o cattivi.

TEST  6: I profeti devono incoraggiare e devono edificare gli altri

 

Chi profetizza, invece, parla agli uomini un linguaggio di edificazione, di esortazione e di consolazione. (1 Cor. 14:3)

Pochi avventisti del Settimo Giorno si sono sforzati di leggere tutta la moltitudine di testimonianze scritte da Ellen White. Hanno detto che le testimonianze della Sig.ra White furono incoraggianti per i suoi seguaci e non si sono mai presi la briga di leggere per loro stessi, per scoprire se ciò è vero. Certamente, ci sono alcuni casi in cui la Sig.ra White ha edificato, incoraggiato e consolato gli altri. Comunque, un esame serio delle sue testimonianze rivela che frequentemente ha demolito, scoraggiato e afflitto gli altri. Mentre esaminiamo alcuni esempi, tieni a mente che questi non sono fatti isolati. Il tono generale delle sue testimonianze era negativo, alla ricerca di colpe, accusatorio e critico. Nel resto di questa sezione, esamineremo come Ellen White abbia demolito e scoraggiato i suoi nemici, i suoi membri di chiesa, la sua famiglia, i suoi colleghi di lavoro ed i dirigenti nazionali.

 

Il trattamento dei Suoi Nemici

La Sig.ra White ha tenuto l’atteggiamento più pungente per i suoi nemici. La Sig.ra White tollerava vedute diverse dalle sue su alcuni punti, ma ciò che non tollerava assolutamente era che qualcuno questionasse sul suo dono profetico. Secondo Israel Dammon, suo amico all’inizio, quelli che "hanno preso posizione contro le visioni, lei li ha visti segnati, condannati e persi per sempre, senza speranza.'" (An Examination of Mrs. White's Visions, 1877)

Questo non è che un piccolo esempio delle dichiarazioni spregiative che ha fatto sui suoi avversari:

Diventa pertanto evidente che, se qualcuno era in disaccordo col profeta, o peggio ancora, se qualcuno osava mettere in discussione la sua chiamata profetica, Ellen White li avrebbe aggrediti veementemente e senza nessuna pietà.

Il trattamento dei Suoi seguaci

La Sig.ra White, non tollerava che la "luce" giungesse alla chiesa da altre persone se non attraverso di lei. Inizialmente, nella chiesa, prima che la riforma sanitaria fosse promossa, molti membri, inclusi gli White, mangiavano carne di maiale. La sorella Curtis si interessava di come poter migliorare la salute e quando scoprì che consumare carne di maiale, rappresentava un pericolo, riferì le sue scoperte alla Sig.ra White. Immediatamente la Sig.ra White la fece tacere con una pungente "testimonianza":

"Se Dio vuole che il suo popolo si astenga dalla carne di maiale, sarà Lui stesso a giudicare in merito alla questione. Così come è disposto a mostrare ai Suoi figli onesti il loro dovere, mostra il loro dovere a coloro su cui non ha affidato il carico del Suo lavoro. Se è un dovere della chiesa astenersi dalla carne di maiale, Dio lo farà scoprire a più di due o tre persone. Lui stesso insegnerà alla Sua chiesa ciò che deve fare." (Testimonies, Vol. 1, p. 206)

 

H.E. Carver, che era un amico stretto della famiglia Curtis, racconta l'avvenimento:

 

"La sorella Curtis era una donna molto coscienziosa e capendo (molto prima che fosse fatto alcun passo in quella direzione dal sig. e dalla sig.ra White) che mangiare maiale fosse dannoso, provò ad eliminarlo dalla sua tavola. Questo determinò dei problemi. La sorella C. credeva sinceramente nell’ispirazione divina della White, e dal brano sopra riportato, sembra che ricevette queste parole dopo avere chiesto istruzioni alla White; istruzioni che ricevette, come si legge sopra in modo chiaro, attraverso delle visioni." (Sig.ra E.G.White White's Claims to Divine Inspiration Examined, 2a edizione, 1877)

 

Verrebbe da pensare che Ellen White sarebbe dovuta essere riconoscente alla sorella Curtis per aver scoperto i pericoli del mangiare maiale. Molti anni dopo, la Sig.ra White adottò la stessa identica riforma. Comunque, qui vediamo che la Sig.ra White scoraggiò la sorella Curtis dal promuovere questa riforma sanitaria.

Il trattamento della Chiesa

Era evidentemente che la Sig.ra White amava alzarsi in chiesa e rimproverare dal pulpito i membri presenti per i loro peccati. Più di una Chiesa avventista sentì la sua collera. Il Dott. Ronald Graybill, primo direttore associato del White Estate, raccontò il seguente episodio:

James [White] difese sia lo stile che il contenuto dei messaggi della moglie, ponendo i suoi taglienti rimproveri nella migliore luce possibile. La White, riunì assieme le congregazioni di Wright e del Michigan, un pomeriggio del 1867 per leggere loro 51 pagine di "testimonianze" che lei aveva scritto su vari membri di chiesa. "Coloro che furono rimproverati," riportò James, "furono certamente sorpresi di sentire citare la loro condizione e furono presenti ad una grande prova." (Power of Prophecy, p. 9)

 

Immagina l'umiliazione totale che si può avere, nel sentire il profeta che rende pubblici i tuoi "peccati" davanti alla chiesa intera! Peggio ancora, quei "peccati" potrebbero essere o non essere veri, in base alla fonte da cui il profeta ha ottenuto le sue informazioni!3

Di seguito troviamo un esempio di come la Sig.ra White derise un membro di chiesa malato, in una delle sue "testimonianze":

"Mi sono stati mostrati ... quasi tutti i pensieri che hai ora di te stesso... nella tua attuale condizione mentale, non sei adatto al matrimonio. Nessuno ti desidera, nella tua attuale condizione, indifesa e inutile. Se qualcuno dovesse amarti, questi, sarebbe privo di valore, nessuna persona sensata potrebbe pensare per un momento di porre il suo affetto su un così inutile scopo... in questo momento la tua condizione è inaccettabile alla vista di Dio..." (Testimonies Vol. 2, il pp. 324.325)

Il trattamento dei Bambini

Il Dott. Graybill, ci aiuta a capire come il figlio di Ellen White, Edson, fosse controllato da lei e da James:

Edson spesso era affidato alla cura di una famiglia o dell’altra. Quando i suoi genitori erano con lui, interpretavano i suoi frequenti malanni come un attacco di Satana al nuovo movimento, e la sua guarigione, come la prova dell’approvazione di Dio per i loro sforzi pubblici. Così anche nelle sue sofferenze, lui era solo un'aggiunta alle loro carriere. (Ibid. , P. 62)

Un'infanzia da nomade non era il solo peso per Edson. Egli era irritato anche dai continui paragoni sfavorevoli che i suoi genitori facevano tra lui e suo fratello Willie. Dal momento in cui era nato Willie, Edson riceveva costanti rimproveri e condanne, mentre suo fratello minore riceveva lodi costanti e incoraggiamento.  Willie era un bambino di "natura buona" che piangeva raramente; Edson aveva "più vita e più difficoltà." (Ibid. , P. 63)

Edson sembra essere caduto in un circolo vizioso. Visto che falliva spesso, si aspettava sempre di fallire, e probabilmente proprio perché si aspettava di fallire, falliva ripetutamente. Senza dubbio fu anche tormentato dal senso di colpa; a causa dei consigli e dei rimproveri che riceveva fu ricoperto con un pesante senso del peccato ed un negligente senso del "dovere." Ellen gli ricordava spesso che la sua vita era "un errore," "peggio che inutile" e "un fallimento".
(Ibid., p. 66, citing letter 6, 1869, letter 14, 1869, letter 2a, 1872)

Il trattamento che la sorella White riservò ad Edson è compatibile col suo falso insegnamento che Dio non ama i disobbedienti (vedi il Test 4).

Il trattamento dei Colleghi di lavoro

Per illustrare come Ellen White trattò i suoi dipendenti, esamineremo il caso di un pioniere avventista, J.N. Andrews. Nel 1860 la Sig.ra White, in una sua lettera di 24 pagine scritta ad Andrews e a sua moglie, si lamenta di lui che rifiuta di accettare le sue "testimonianze":

Ho visto che il fratello John ha molto sofferto nella sua mente... Il fratello John ha  quasi rasentato la pazzia. ... Ho visto che la sua famiglia non è al sicuro. ... Essi non riusciranno ad entrare nella luce finché non elimineranno il passato confessando il loro sbaglio nell’opporsi alle testimonianze date loro da Dio. ...Egli ha turbato la mente di Henry Nichols riguardo le visioni, e Henry non si è più ripreso. ... Le visioni vengono o da Dio o dal Diavolo. Non c'è nessuna via di mezzo per interpretare la questione.
(1860 lettera "Al fratello J. N. Andrews e alla sorella H. N. Smith")  

 

Malgrado i suoi dubbi riguardo l’ispirazione della Sig.ra White, Andrews continuò a servire la chiesa. Andrews visse una vita difficile nella sofferenza. Nel 1872 sua moglie Angeline, morì. Nel 1874 girò l'Europa come missionario con i suoi due bambini. Nel 1878, Andrews tornò per seppellire entrambi i suoi figli, Mar, e suo fratello. Andrews aveva una salute cagionevole e non ritornò in Europa fino all'anno seguente. Joseph Smoot, nella primavera del 1984, in Adventist Heritage, riportò che nel 1883 la Sig.ra White scrisse una lettera a B.L. Whitney, criticando pesantemente Andrews:

 

Lei disse che Andrews "aveva dato l'impressione di soffrire, sebbene non avesse lavorato più di altri lavoratori ordinari alla loro prima esperienza in questo lavoro." Ella considerava Andrews come uno che aveva "una mente malata." La Sig.ra White, pensava che John Andrews sarebbe morto e disse: "non si può pregare per la sua vita, perchè il suo lavoro in Svizzera era ed è tuttora fermo (interrotto)." ... La White concluse dicendo che non voleva Andrews  "In nessun caso voglio che i suoi disturbi immaginari, siano di ostacolo alla causa di Dio." (Smoot op. cit. Adventist Currents, vol. 1, 6, p. 7)

 

Stupisce molto che la Sig.ra White neanche pregò per Andrews, un pioniere missionario e un autore che aveva consacrato tutta la sua vita al lavoro della chiesa! Ciò, è in contrasto con Stefano (il primo martire) che pregò per i suoi assassini mentre lo lapidavano a morte. Contrasta con Gesù, che chiese non solo a Dio di perdonare quelli che lo stavano assassinando ma disse anche: "Pregate per quelli che vi oltraggiano." (Luca 6:28)

La Sig.ra White scrisse poi ad Andrews una lettera, che Smoot descrive come "il rimprovero più severo che gli avesse mai fatto."

Disse questo: "Se vai nella tomba, non voglio che tu muoia nell'inganno." ... Ella poi continuò enumerando i difetti del carattere di Andrews. Il sentimento delle famiglie di Andrews e Stevens erano state un mix negativo sin dall'inizio; la White era convinta che loro avevano incoraggiato il suo desiderio di: "bramare comprensione, amare di essere compatito, desiderare di essere considerato come uno che soffriva di privazioni e come un martire. La White disse a Andrews che il suo peccato aveva dimora in lui, soffrendo il lutto per sua moglie e per la figlia, come aveva fatto... Meditando a lungo sul fatto che aveva rigettato il suo consiglio di risposarsi [cosa che lui non aveva mai fatto], gli disse anche che non era stato un buono padre per suo figlio Charles. (Ibid. , Pp. 7.8)

Smoot conclude: "Questa lettera deve avere distrutto lo spirito e la voglia di vivere di Andrews'." Andrews morì pochi mesi più tardi, il 21 Ottobre 1883.


G.I. Butler

Quando Butler era presidente della Conferenza Generale, subì un duro attacco dalla Sorella White. Egli descrive l'assalto in una lettera a J.H. Kellogg:

«La sorella White mi ha chiamato nel tuo Ospedale e ha parlato con me due o tre ore: la testa mi faceva così male che pensavo mi distruggesse, come se si stesse spaccando. Ero nervoso ma ho impiegato tutte le mie energie e ho ascoltato tutto. Ti dico che alcune cose erano le più taglienti che un uomo potesse sentire. Ogni tanto avrei voluto dire una parola. Lei disse: "Tu, avresti dovuto essere fuori dall’ufficio da anni!"» (Butler lettera a Kellogg, June 9, 1904, pubblicata in Adventist Currents, vol. 1, no. 5)

Insulto ad Abraham Lincoln

D.M. Canright descrive come la Sig.ra White respinse la richiesta di Abraham Lincoln di dedicare un giorno di preghiera e digiuno per la nazione distrutta dalla guerra:

Il Presidente Lincoln, nel bisogno, chiese le preghiere di tutti i cristiani e designò dei giorni di digiuno e di preghiera. A questo proposito, la Sig.ra White disse: "Ho visto che questi digiuni nazionali sono un insulto a Geova. . . E’ stato proclamato un digiuno nazionale! Oh, che insulto per Geova!" ("Testimonies," Vol. I., p. 257). Questo fu il modo con cui solidarizzò con Lincoln e con la nazione nel momento del bisogno.         

Il giorno prima del terribile combattimento di Gettysburg, in cui il destino della nazione cambiò, Lincoln passò la notte in preghiera angosciosa a Dio Onnipotente. Così testimoniò il suo biografo. Ma né la Sig.ra White né chiunque altro dei suoi discepoli offrì una sola preghiera per lui o per la nazione. Io ero con lei - e con loro - e so. Durante i 28 anni che sono stato avventista, non ho mai offerto una preghiera per il Presidente, per il Congresso, per un Governatore o qualunque altra autorità. Non ho mai sentito la Sig.ra White, l'Anziano White, o chiunque di loro fare questo. Spesso ho assistito alle loro grandi riunioni ma non ho mai sentito offrire una preghiera per un qualunque funzionario di Governo. (Canright, Life of Mrs. E.G. White: Her False Claims Refuted, chapter 15)

Test 6 - Decidi tu: Passa o Fallisce?

Leggendo queste cose - in particolare quelle che più inquietano, sono quelle di J.N. Andrews ed Edson White - veniamo posti di fronte alla desolante realtà che Ellen White non compie il dovere di un profeta di rappresentare il carattere di Dio attraverso "il sostegno e l'incoraggiamento." Mentre alcuni dei consigli e testimonianze della Sig.ra White possono veramente essere descritti come "incoraggianti", altri, troppo spesso, furono astiosi, scoraggianti e distruttivi.

TEST 7: I profeti devono riconoscere gli scritti di Paolo come comandamenti

Se qualcuno pensa di essere profeta o spirituale, riconosca che le cose che io vi scrivo sono comandamenti del Signore. (1 Cor. 14:37)

La Sig.ra White, segue i comandamenti di Paolo? La Sig.ra White dice che gli scritti degli apostoli di Cristo "sono stati dettati dallo Spirito Santo " (Spiritual Gifts, vol. 1, p. 176). Quindi, visto che la Sig.ra White considerava Paolo un apostolo, deve avere considerato gli scritti di Paolo in I Corinzi 14:37 come ispirati da Dio. Giusto tre versi prima, Paolo esprime il suo comandamento riguardo a come le donne avrebbero dovuto condursi nella chiesa:

Come si fa in tutte le chiese dei santi, le donne tacciano nelle assemblee, perché non è loro permesso di parlare; [dal greco: laleo - "emettere una voce o un suono / parlare / usare la lingua o la facoltà di linguaggio / emettere suoni articolati / conversare"]... perché è vergognoso per una donna parlare in assemblea. 1 Cor. 14:34,35

La donna impari in silenzio con ogni sottomissione. Poiché non permetto alla donna d'insegnare, né di usare autorità sul marito, ma  stia in silenzio 1 Tim. 2:11,12

L'anziano Benjamin Warfield spiega il significato di questi testi:

La parola [greca] [laleo] è collocata correttamente in 1 Corinzi 14:3 pp e reca lí, il suo significato semplice e naturale. Se vi sono state difficoltà a capire il suo significato, ad ogni modo, questo lo si deduce dal suo uso frequente nella parte precedente del capitolo, dove si riferisce non solo al parlare in lingue, ma anche al discorso profetico, che è esplicitamente dichiarato essere di edificazione, esortazione e conforto (versi 3-6). Il suo significato sarebbe comunque fornito più chiaramente, dal termine opposto — "tacciano" (verso 34). Qui, noi abbiamo direttamente definito il termine laleo: "Tacciano le donne, perchè non è loro permesso di parlare. "Tacere —parlare: questi sono i due contrari; l'uno definisce l'altro.

È importante ora osservare che il fulcro di questi testi, non è tanto la proibizione a parlare quanto il comando di stare in silenzio. Questo è l’ordine principale. La proibizione di parlare è soltanto introdotta per spiegare in modo più completo il significato. Ciò che in breve dice Paolo è: "Tacciano le donne nelle assemblee." È senza dubbio sufficientemente chiaro. Egli poi, per spiegare, aggiunge: "Perché non è loro permesso di parlare." "Non è permesso" è un appello ad un principio generale, valido a prescindere dal comando personale di Paolo; lo si comprende dando uno sguardo indietro all’apertura della frase — "come si fa in tutte le chiese dei santi." Egli (Paolo) sta solo chiedendo che le donne di Corinto si conformino alla legge generale delle chiese. E questo è il significato delle parole “quasi amare” che aggiunge al verso 36, in cui — li rimprovera per l'innovazione che hanno apportato permettendo alle donne di parlare nelle chiese — gli ricorda che né loro sono gli autori del Vangelo, né i soli detentori: che si attengano alla legge, in quanto essa tiene insieme l’intero corpo della chiesa e che evitino di cercare dei propri modi stravaganti.

I testi intermedi mettono solo in chiaro ciò che l'apostolo sta affermando chiaramente, cioè vietare alle donne di parlare a tutti nella chiesa. Il suo ordine di stare in silenzio è talmente perentorio che vieta loro perfino di fare qualsiasi domanda e, in riferimento a questo aggiunge un’affermazione incisiva:  "è indecoroso" —questo è il significato del termine — "per una donna parlare nella chiesa."

Sarebbe impossibile per l'apostolo parlare più direttamente o più enfaticamente di come ha fatto. Egli chiede che le donne restino in silenzio agli incontri in chiesa; perché questo è il significato: "nelle chiese" - allora poi non c’erano edifici di chiesa. Egli (l’apostolo) non ci ha lasciati nel dubbio circa la natura di queste riunioni di chiesa. Egli li ha proprio descritti nel versetto 26. Erano incontri simili alle nostre riunioni di preghiera. Notare le parole "che lui stia in silenzio nella chiesa" al verso 30 e paragonarle con "che esse stiano in silenzio nelle chiese" al verso 34. La proibizione alle donne di parlare vale per tutti gli incontri pubblici della chiesa — non è una questione di formalità ma di pubblicità. E ci dice ripetutamente che questa è la legge universale della chiesa e fa ancora di più, ci dice che è il comandamento del Signore, ed enfatizza la parola "Signore" (il verso 37).

Il testo in 1 Timoteo 2:11, è incisivo, sebbene sia riferito particolarmente al caso specifico di insegnamento pubblico o dominio (ruolo dirigenziale) nella chiesa. L'apostolo puntualizza già in questo contesto (al verso 8, "gli uomini" in contrapposizione con "donne" al verso 9) che la preghiera pubblica è limitata esplicitamente agli uomini e continua: "La donna impari in silenzio, con ogni sottomissione; poiché non permetto alla donna di insegnare, né di usare autorità sul marito ma stia in silenzio." Alla donna non è permesso né di insegnare né di rivestire un ruolo dirigenziale. L'apostolo dice qui, "non permetto," mentre in 1 Corinzi 14:33, "non è permesso," perché qui egli sta dando le sue istruzioni personali a Timoteo, suo subordinato, mentre lí, annunciava ai Corinzi la legge generale della chiesa. Egli comunque, istruisce Timoteo, sulla legge generale della chiesa, poi continua mettendo a terra la sua proibizione in una ragione universale che riguarda in modo uguale la razza intera. ...

Ciò che deve essere notato in conclusione è che: (1) La proibizione per le donne di parlare nella chiesa è precisa, assoluta e onnicomprensiva. Le donne devono mantenere il silenzio nelle chiese — e ciò significa in tutti gli incontri pubblici di adorazione; esse non devono neanche fare domande; (2) Questa proibizione è data in particolare per due motivi ben precisi, l’insegnamento e la conduzione, per ciò che concerne il ricoprire specifiche funzioni quali quella del predicatore e dell’anziano; (3) La base su cui è posta la proibizione è universale e verte sulla differenza di sesso e particolarmente al posto relativo dato ai sessi nella creazione e nella storia fondamentale della razza (la caduta).4

Non solo la Sig.ra White ignorò il comando di Paolo di stare in silenzio nella chiesa ma ruppe anche il comando circa il profetizzare a capo scoperto:

Ma ogni donna che prega o profetizza senza avere il capo coperto fa disonore al suo capo, perché è come se fosse rasa. 1 Cor. 11:5

La Sig.ra White e la Chiesa avventista sembrano avere adottato la veduta che i comandamenti di Paolo non si applicano a loro nell'"età moderna". È piuttosto un fatto di convenienza: quando ci si imbatte in una proibizione Biblica che non piace, semplicemente la si congeda con “è fuori tempo" o "si applica soltanto a quella cultura, a quel periodo." Con questa filosofia, si potrebbe rigettare praticamente qualunque proibizione della Bibbia dichiarandola “fuori del tempo".

 

Test 7 – Decidi tu: passa o fallisce?

Mentre si può discutere se le proibizioni di Paolo possono essere applicate all'"età moderna", non può essere negato che la Sig.ra White ha rotto questi comandamenti particolari. È stata spesso sul pulpito della chiesa a fare sermoni, a tenere conferenze e insegnare alle persone. In tutte le descrizioni del suo profetizzare non c’è mai alcun riferimento al fatto che lei avesse pensato di coprirsi il capo. Quindi, poiché è ovvio che la Sig.ra White ignorò questi comandamenti di Paolo nella sua vita, possiamo concludere soltanto che la Sig.ra White ha fallito questo test per il profeta.

I Test avventisti di un Profeta

Gli avventisti hanno sviluppato una propria serie unica di "test" che usano per provare agli altri che la Sig.ra White ha passato i loro "test" dei profeti. Quando si esaminano questi test, si scopre che in realtà non sono affatto dei test. Usando questi "test" infatti, praticamente chiunque potrebbe essere qualificato come profeta di Dio!

Test discutibile n. 1: Cristo è diventato carne

Un testo che viene citato frequentemente in favore di Ellen White è 2 Giov. 1:7:

“Poiché molti seduttori sono usciti per il mondo, i quali non riconoscono pubblicamente che Gesù Cristo è venuto in carne…” Virtualmente ogni profeta moderno cristiano insegna che Cristo è diventato carne, dunque passare questo "test" è davvero facile. Joseph Smith, Mary Eddy Baker ed altri innumerevoli "profeti" passano questo test. Anche Maometto ha insegnato che Cristo era un essere umano reale. Quindi questo "test" è poco rilevante perché praticamente qualunque credente cristiano potrebbe superarlo.

Test discutibile n. 2: Le predizioni si realizzano

Un altro "test" che a volte viene usato, è il test sulle predizioni del futuro. Se un profeta fa una predizione sul futuro, e quella predizione accade, si suppone che ciò sia la prova che quella persona è un vero profeta. Ad ogni modo, questo test è valido solo quando è in armonia con ciò che dice Deut. 18:22, cioè che un profeta non può fare una falsa predizione. Fare una sola vera predizione sul futuro non basta per essere un profeta. I sensitivi fanno spesso delle profezie vaghe del futuro e in qualche rara occasione fortunata ci prendono e l'avvenimento accade effettivamente così com’era stato predetto.

Se un sensitivo fa una predizione che poi per pura fortuna si avvera, ciò lo fa diventare un profeta?

Considera il caso del profeta dei mormoni, Joseph Smith . Lui fece queste profezie nel 1832, quasi 30 anni prima dell'inizio della guerra civile negli Stati Uniti:

" 1. In verità, così disse il Signore a proposito delle guerre che accadranno a breve, esse cominceranno dalla rivolta della Carolina del sud e termineranno con la morte e la miseria di molte anime;
. . . .
"3. Per osservare, gli Stati Meridionali saranno divisi contro gli Stati del nord e le nazioni, anche lo stato della Gran Bretagna, come viene chiamato, e dovranno chiamare anche altre nazioni contro altre nazioni per difendere sé stessi contro altre nazioni; poi la guerra sarà presente in tutti gli stati."

Queste profezie sono state soddisfate con sbalorditiva precisione. Una Guerra Civile tra gli stati del nord e meridionali è cominciata nello stato della Carolina del sud. Questo prova che Joseph Smith era un profeta? No a meno che egli non fosse stato esatto in tutte le altre predizioni che ha fatto. Un profeta deve essere esatto al 100% secondo la regola biblica.

Test discutibile n. 3: Scritti ispirati

A volte gli avventisti indicano alcuni libri - Desire of Ages (La speranza dell’uomo) e Steps to Christ (Passi verso Gesù) - come prove che la Sig.ra White ha avuto la chiamata profetica. Anche se Ellen White non avesse mai copiato una sola parola da altri autori, e se anche Ellen White non avesse avuto personale costituito da scrittori dotati che l’assistevano, il fatto che abbia prodotto un libro ispirato non la qualificherebbe mai come profeta. Se scrivere un libro ispirato prova che chi lo scrive è un profeta, avremmo migliaia e migliaia di profeti, perché migliaia di libri ispirati sono stati scritti da autori cristiani.

Qualcuno puntualizza il fatto che la Sig.ra White soffrì per una grave lesione alla testa quando era in 3° elementare e che ciò la obbligò a ritirarsi da scuola. Indicando i suoi scritti successivi essi dichiarano: "Come potrebbe qualcuno che ha frequentato solo la 3° elementare, scrivere libri cosí meravigliosi?" Coloro che fanno questa domanda sottintendono che la Sig.ra White deve aver ricevuto un’assistenza soprannaturale per scrivere i suoi libri. La verità è che la Sig.ra White ha avuto più che un educazione di 3° elementare (Clicca qui per saperne di più).

I discepoli del profeta Maometto, il fondatore dell’Islam, indicano gli scritti di quest'uomo analfabeta come prova della sua ispirazione divina. Dicono: "Come potrebbe un uomo analfabeta scrivere lavori cosí meravigliosi come il Corano, senza l'assistenza divina?" La verità è che Maometto ha avuto dei segretari che l’hanno assistito durante la scrittura. Similmente, la Sig.ra White ha sempre avuto assistenza nello scrivere. All'inizio fu James White. In seguito, dal momento in cui la loro situazione finanziaria migliorò, assunse del personale professionale per scrivere i suoi libri, i suoi articoli e anche le sue lettere personali. Assunse Marian Davis che era una scrittrice professionista per assisterla nei suoi libri. Anche la sua segretaria Fannie Bolton fu coinvolta per gli scritti della Sig.ra White per molti anni.

Come abbiamo visto, la Sig.ra White ha ricevuto una sostanziosa assistenza negli scritti, copiando da alcuni dei migliori autori cristiani del suo tempo. Ancora si dibatte sull'ammontare esatto del materiale che è stato plagiato da altri autori, in alcuni libri si crede che sia stato copiato fino al 90% del materiale.

Se la Sig.ra White abbia avuto o meno un’assistenza soprannaturale non lo possiamo giudicare. Di sicuro è palesemente evidente che ha avuto assistenza umana in abbondanza.

I suoi scritti ispirati forniscono la prova di un’assistenza soprannaturale? Cosa succederebbe se ti fosse dato il permesso di copiare tutto il materiale che vuoi dai migliori autori cristiani? E cosa succederebbe se ti fosse fornito del personale competente in editoria e degli scrittori per assisterti? Pensi che potresti creare un libro ispirato? Certo che potresti! Sotto quest’ottica, i libri ispirati della Sig.ra White non provano che lei sia un profeta più di quanto non lo possa essere tu!

Test discutibile n. 4: Azioni soprannaturali

Alcuni avventisti fanno riferimento ad alcuni avvenimenti soprannaturali che si sono verificati durante le prime visioni della Sig.ra White per affermare che lei era un profeta. Per esempio, ci sono racconti a proposito del fatto che lei non respirasse durante le visioni o anche che riuscì a sollevare oggetti molto pesanti con una forza soprannaturale. I difensori di Ellen White dichiarano che questi fenomeni sono simili a quelli del profeta Daniele. Se la Sig.ra White ha avuto o meno le stesse caratteristiche di Daniele, è una questione di grande dibattito ma il Presidente della Conferenza Generale A.G. Daniells va dritto al cuore della questione:

"Con riferimento alle evidenze, non concordo con alcuni fratelli che hanno messo insieme prove o evidenze sull'autenticità di questo dono profetico, a questo proposito, - Io credo che la prova più importante si trova nei frutti di questo dono alla chiesa e non in dimostrazioni fisiche ed esteriori. Per esempio, ho sentito alcuni ministri predicare e l’ho anche letto, sul fatto che la Sorella White riuscì a sollevare una Bibbia pesante – mi pare che abbiano detto che pesasse  40 libbre (quasi 15 kg) -  con il braccio teso, cercando verso i cieli i testi citati, voltava le pagine e indicava i testi, con gli occhi rivolti verso i cieli. Non so se ciò sia mai accaduto. Non ne sono sicuro. Io non l'ho visto e non ho mai parlato con qualcuno che ha visto ciò. Ma, fratelli, non considero quel genere di cose come una prova molto importante. Non penso che questa sia il tipo migliore di prova. Se io fossi un estraneo e ascoltassi un predicatore parlare di queste cose, avrei dei dubbi. Cioè, vorrei sapere se l'ha visto. Ed egli dovrebbe rispondere: No, non l’ho visto! Poi chiederei: 'Hai mai conosciuto un testimone di questo evento?' Ed egli dovrebbe rispondere, 'No, non l’ho mai conosciuto!'

"Quanto di tutto questo è vero e quanta ha assorbito dalla storia, non lo so. Ma non penso che questa sia il tipo di prova che vogliamo usare. Per lungo tempo ho portato avanti questa cosa: - nessun respiro e occhi spalancati. Questo potrebbe aver accompagnato l'esercizio di questo dono nei prima giorni, ma non è certamente stato così negli ultimi giorni, e ancora io credo che questo dono sia stato proprio autentico ed utilizzato adesso così come fu utilizzato nei prima anni." (1919 Conference on the Spirit of Prophecy, Conferenza sullo Spirito di Profezia)

 

Nessuno di noi fu presente alle visioni, dunque non sappiamo con certezza cosa accadde e cosa no. Ad ogni modo, questo non è rilevante. Con cosí tanti maghi ed artisti ingannatori nel mondo non avrebbe alcun senso avere un "test" basato sulla dimostrazione di poteri "soprannaturali". I profeti biblici non sono stati giudicati sulla base di azioni soprannaturali, ma sulla loro parola profetica ed il loro carattere.

Test discutibile n. 5: Era anni in avanti rispetto alla scienza

Un’altra dichiarazione a favore della Sig.ra White si basa sul fatto che lei comprese molto prima della scienza questioni riguardanti la salute. Contrariamente al mito popolare, la Sig.ra White ha portato poche (se ne ha portate) nuove riforme sanitarie al mondo. Altri riformatori popolari di salute, stavano promuovendo la maggior parte, se non tutti, gli insegnamenti sulla salute, prima che la White cominciasse a parlarne. (Per esaminare la prova, CLICCA QUI)

Mary Eddy Baker, Joseph Smith, il profeta Maometto, tutti proposero delle riforme sanitarie ai loro seguaci e oggi tutti loro dichiarano che le riforme sono state convalidate dalla scienza solo negli ultimi tempi e quindi questa è la prova che esse sono di origine divina. La verità è che dare inizio ad una riforma sanitaria non prova assolutamente che si è dei profeti. Migliaia di riforme sanitarie sono stato proposte da varie persone nei secoli della storia umana. Questi proponenti di riforme sanitarie sono quindi tutti dei profeti perché hanno cominciato una riforma sanitaria di successo? Certo che no!

Test discutibile n. 6: Mantiene l'Unità nella Chiesa

Secondo una difesa fatta da alcuni avventisti, gli scritti della Sig.ra White aiutano a tenere la chiesa unita, risolvendo le differenze teologiche di alcuni testi biblici, aiutando così a mantenere "l'unità dei fratelli". Coloro che hanno fatto questa dichiarazione devono riconoscere che questa unità significa che la vista di un individuo su un particolare argomento biblico deve essere portata in armonia con la visione di Ellen White. Se qualcuno non sottomette la propria veduta a quella di Ellen White, quell'individuo viene messo al bando dalla chiesa. Questo sembra un prezzo pesante da pagare per l’unità ed eleva il ruolo di Ellen White ad interprete principale della Bibbia, un ruolo non molto diverso da quello del papa.

In realtà, gli scritti di Ellen White soffocano l’investigazione personale della ricerca della verità perché un “buon avventista” non può studiare la Scrittura e giungere ad una conclusione diversa rispetto a quella accettata da “Ellen White”.

Mentre alcune interpretazioni Bibliche sono ottenute aderendo strettamente a ciò che dice Ellen White, questo non si traduce necessariamente in unità all’interno della chiesa. Infatti, negli anni, molte persone hanno testimoniato della mancanza di unità all’interno della Chiesa Avventista del settimo giorno. È molto probabile che una larga parte del fermento di disunità nella Chiesa Avventista di oggi, sia direttamente collegato ad Ellen White.

Alcuni membri discutono a proposito del ruolo e dell’autorità di Ellen White nella chiesa. Questi membri non possono seguire tutto quello che la sorella White ha detto, o essere d'accordo con tutte le sue interpretazioni e quindi, essi si trovano chiusi in un combattimento mortale con i devoti di Ellen White che credono che lei sia la portavoce di Dio per la chiesa.

Un'altra fonte di disunione sono gli stessi scritti di Ellen White. La Bibbia, sebbene sia stata scritta da dozzine di autori in un periodo di più di 1.000 anni, mostra una continuità completamente sorprendente. All’opposto, gli scritti di Ellen White, opera di una sola persona nell’arco di 75 anni, mostrano un numero sorprendente di dichiarazioni contraddittorie e confuse.

La giovane Ellen White vietava di andare dai dottori. La vecchia Ellen White si fa visitare dai dottori. La giovane Ellen White scrisse a lungo e prolificamente contro la masturbazione. La vecchia Ellen White non ha scritto una parola su questo argomento negli ultimi 40 anni della sua vita. La giovane Ellen White ha dato particolare enfasi alla legge, la vecchia Ellen White ha accentuato il concetto della grazia. Ripetutamente, durante tutta la sua carriera, Ellen White contraddice i propri scritti. Se si aggiunge il fatto che ella ha scritto più di 100.000 pagine- 100 volte di più di quelle che si trovano nella Bibbia- c’è la possibilità di trovare abbondanza di contraddizioni da parte di chiunque spenda un po’ di tempo a guardarci.

Queste dichiarazioni contraddittorie e confuse sono una continua fonte di irritazione tra le varie fazioni all’interno della chiesa. Ci sono delle furiose controversie riguardo la natura di Cristo, gli eventi degli ultimi tempi, l’abbigliamento ed il divertimento, gli sport, la dieta, il giudizio investigativo, l’indossare gioielli, i rapporti sessuali eccessivi all’interno del matrimonio e innumerevoli altre questioni. La disunione nella Chiesa avventista è accentuata dalla presenza dai tanti "autorevoli scritti " che contengono molte contraddizioni apparentemente inconciliabili.

I distruttori della Bibbia

Inevitabilmente, quando alcuni avventisti sono messi di fronte all’evidenza che Ellen White ha fallito i sette test per i profeti, invece di riconoscere la verità, girano le cose, affermando che Ellen White non è stata peggio dei profeti Biblici. Essi diranno: "Ci sono degli errori anche nella Bibbia." Il loro ragionamento è: i profeti della Bibbia hanno fatto degli errori e sono tuttavia considerati dei profeti, quindi è normale per il nostro profeta fare degli errori. Se uno segue questo ragionamento fino alla sua logica conclusione, i profeti possono commettere errori, fare predizioni sbagliate e profezie grossolane ed essi comunque rimangono profeti di Dio. Tale ragionamento è sbagliato e può essere usato per fare di ciascuno un profeta, come nel caso di Branch Davidian David Koresh.

Negli anni recenti, gli avventisti hanno fatto molti sforzi per attaccare la credibilità dei profeti Biblici al fine di sostenere il ruolo di Ellen White. Sono stato fatti dei tentativi per confondere i test biblici con questioni che non hanno nulla a che vedere con queste. Per chiarire tale confusione è necessario capire i seguenti quattro punti.

Primo. Quando discutiamo i "fallimenti" di un profeta, stiamo attenti a non confondere i "fallimenti morali" con il fallimento dei " test per un profeta." Nessuno test profetico dice che un profeta non può mai peccare. Balaam e Saul hanno profetizzato nel nome del Signore eppure siamo ben consapevoli di quali furono i loro fallimenti. Quindi, non ci sono motivi per rigettare un profeta semplicemente in base a una mancanza morale.

Secondo. Ci sono altri casi ricordati nella Scrittura, dove dei profeti hanno fatto predizioni che a noi oggi appaiono errori o fallimenti di giudizio. Per esempio, quando Nathan disse a Davide che poteva costruire un tempio, lo fece, apparentemente, senza consultare prima Dio.

Terzo. Ci sono dei casi nella Scrittura, dove il profeta non ha capito esattamente quale fosse la propria missione. Giona, apparentemente non comprese, o forse non volle capire che il messaggio di distruzione che consegnava a Ninive, era soggetto a condizioni. Quindi, ad un profeta, non è richiesto di capire completamente la propria missione, per compiere il ruolo di profeta.

Quarto, i critici della Bibbia indicano un certo numero di profezie nel Vecchio Testamento che sembrano non essersi realizzate. Non è tuttavia lo scopo di questa pagina, testare ogni profeta Biblico. Interi libri sono stati scritti per difendere la Scrittura. È molto probabile che noi siamo ignari dei fatti che sono stati seppelliti nella storia perduta da tempo, o confusi durante la traduzione o per errori di trascrizione – per poter considerare delle profezie come fallite. Se potessimo ritornare indietro, a migliaia di anni fa, e vedere e sentire le cose esattamente come sono accadute, a quel punto potremmo realizzare che non c’è alcun fallimento. Potremmo scoprire che il solo fallimento è proprio il nostro giudizio raggiunto, senza adeguate informazioni.

Ricapitolando, la bibbia indica che alcuni profeti commisero dei peccati morali, occasionalmente utilizzarono poco giudizio, a volte non capirono del tutto la loro missione e fecero profezie che a noi, che viviamo millenni dopo, sembra non si siano avverate. Soltanto il quarto test fornisce una valida ragione per rifiutare un profeta. Ma qui si trova la difficoltà dell’attacco ai profeti biblici. Mentre è possibile applicare ai profeti della bibbia, uno o due test per provare un profeta, siamo così lontani storicamente da loro, che risulta per noi davvero difficile applicare a loro tutti i test. Forse a noi sembra che abbiano fallito una prova ma, la conoscenza che abbiamo della loro vita è così limitata, che non possiamo fare una valutazione esatta.

Le persone che conobbero personalmente i profeti della Bibbia o che vissero nella stessa generazione o poco dopo, sono coloro che potrebbero giudicare in modo migliore se il profeta passa o meno il test per i profeti. Poiché non possiamo giudicare accuratamente tutti gli aspetti del loro vivere, a questo punto nella storia, dobbiamo accettare per fede che questi uomini sono stati ispirati, basandoci su ciò che segue:

Queste persone erano in una posizione assai migliore per giudicare i profeti e dovremmo rispettare i loro giudizi. Migliaia di anni di storia, lingua e differenze culturali, ci distanziano dai profeti biblici, rendendo molto difficile per noi giudicare come i loro giudici. Sono troppe le informazioni sul loro conto, delle quali non siamo in possesso.

Possiamo affermare che Gesù non ebbe mai dubbi sui profeti del Vecchio Testamento, al contrario, la sua testimonianza indica che Egli li sostenne come autorevoli, dicendo che non era venuto "per abolire la legge o i profeti" (Matt. 5:17). Gesù usò la legge, i salmi e i "profeti" come prova per convincere gli uomini sulla strada di Emmaus, che la Sua morte e la Sua missione erano legittime (Luca 24:44). Avrebbe Gesù usato gli scritti dei profeti come prova della propria missione, se non avesse creduto che fossero autorevoli?

Ora, paragoniamo questa situazione a quella di Ellen White. Spetta alle generazioni che hanno conosciuto Ellen White personalmente o che hanno vissuto poco dopo di lei, testarla (1 Giovanni 4:1). Questo è il dovere prescritto per noi nella Bibbia. Non adempiremmo al nostro dovere se non sottoponessimo Ellen White al test. A differenza dei profeti della Bibbia, abbiamo una ricchezza di informazioni e le testimonianze personali della stessa Ellen White. Condividiamo la lingua e per gran parte, anche la sua cultura. Non abbiamo relazioni sui profeti biblici da parte di testimoni oculari, mentre abbiamo migliaia di relazioni di testimoni oculari su Ellen White. Abbiamo molto meno di 1.000 pagine di scritti tra Vecchio Testamento e profeti, mentre abbiamo 100.000 pagine di scritti di Ellen White, quindi, siamo in una posizione molto più stabile per giudicare le sue dichiarazioni profetiche. Come dipendiamo dalle generazioni passate per verificare le dichiarazioni dei profeti passati, allo stesso modo, dalla precisione del nostro giudizio relativamente alle dichiarazioni di Ellen White, dipenderanno le generazioni del futuro.

È sbagliata la logica di usare i presunti fallimenti dei profeti della Bibbia per scusare i fallimenti di Ellen White perché, come già notato, non siamo capaci di valutare i profeti della Bibbia nello stesso modo in cui siamo in grado di valutare i profeti della nostra generazione. Anche se potessimo fare una valutazione accurata e trovassimo che un profeta della Bibbia ha effettivamente fallito un test Biblico, ciò non significa che il test non sia valido. I test,  sono la regola oggettiva in base alla quale tutto deve essere giudicato. Dio ha messo quei test nella Bibbia per uno scopo, far sì che potessimo identificare i falsi profeti. Quelli che indicano i fallimenti di altri profeti, tentano semplicemente di deviare l'attenzione lontano dai fallimenti del proprio profeta, tentando di giustificarli, attaccando i profeti della Bibbia. Chi ammira Ellen White, dovrebbe piuttosto valutare se ella stessa, può reggersi sui propri meriti.

Conclusione

Prima o poi, ogni bambino cresce e realizza che babbo natale, il coniglietto di Pasqua e la fatina dei denti, sono dei miti. Non è colpa nostra se abbiamo creduto a quelle sciocche storie. Vi abbiamo creduto perché qualcuno di cui ci fidavamo ce le ha raccontate. Da bambino, ogni qualvolta perdevo un dente, lo mettevo sotto il mio cuscino e andavo a dormire, convinto che la fatina dei denti avrebbe portato via il mio dente e avrebbe depositato una moneta al suo posto. E ogni volta, al mio risveglio la mattina successiva, trovavo un quarto di dollaro luminoso e scintillante.

Un giorno, però la fatina dei denti non è più venuta. Perché? Ero cresciuto! La mia conoscenza era aumentata e non ero più così credulone da credere a storie così sciocche.

Quando hai cominciato a leggere questo articolo, forse credevi in Ellen White. Hai creduto a ciò che ti hanno detto persone delle quali hai fiducia. Credevi, perché ti hanno raccontato metà della storia  - la metà che serviva per far apparire Ellen White un profeta. Adesso sai tutta la storia per intero. Sei cresciuto. È arrivato il momento di allontanarsi dalle favole dell’infanzia. Le favole ti sono servite per un po’ ma, quando arriva la verità, le favole perdono il loro fascino. Le favole non ti soddisfano più, vuoi la verità.

Puoi essere sconvolto. Puoi essere deluso. Puoi chiederti: "Come ho potuto essere così ingenuo da credere a storie del genere?" Ricorda, non è colpa tua. Tu facevi del tuo meglio con le informazioni incomplete che ti sono state fornite. Non puoi cambiare il passato, ma puoi cambiare il futuro. Puoi dividere con gli altri la verità che hai imparato in questo articolo. Puoi continuare a studiare per capire quante tue credenze sono basate su miti. Gesù ha promesso: "Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi." (Giovanni 8:32)


NOTE:

1. Walter T. Rea, Ph.D., "How the Seventh-day Adventist ‘Spirit of Prophecy’ was Born", p. 1.

2. Ibid.

3. H.E. Carver, D.M. Canright, and J.H. Kellogg all testified that they supplied information about people to Ellen White which she later used in writing out "testimonies" to these same people. See Mrs. E.G. White's Claims to Divine Inspiration Examined, 2nd edition, 1877, Merritt G. Kellogg's Statement, 1908, Interview between Elder G. W. Amadon, Elder A. C. Bourdeau, and Dr. John Harvey Kellogg at Dr. J. H. Kellogg's House in Battle Creek, Michigan, October 7th, 1907, as printed in Spectrum, vol. 20, no. 3, pp. 61-62, and the March 20, 1889, edition of the Healdsburg Enterprise newspaper.

4. Benjamin B. Warfield, "Paul on Women Speaking in Church", The Presbyterian, October 30, 1919.